I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Ecco perché bisogna mangiare riso integrale

Il professor Franco Berrino spiega il motivo

Pubblicato il 03/11/2014 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Ecco perché bisogna mangiare riso integrale


Il riso che dovremmo mangiare non è quello bianco a cui ci hanno abituato, ma quello integrale e il motivo è semplice: dal primo vengono estratte tutte le sostanze nutritive, mentre il secondo si mantiene intatto. "Il grano è da mangiare nella sua interezza, non dobbiamo togliere le cose buone per lasciare solo le cose cattive", spiegava all'Associazione di Laboratorio di Cucina Naturale il professor Franco Berrino, aggiungendo che lo strato esterno più esterno del chicco si deve togliere, ma "noi mangiamo soltanto quello che si chiama l'endosperma, che contiene prevalentemente amido e poche proteine, ma non contiene più sali minerali, non contiene più le vitamine, non contiene più i grassi essenziali che ci sono nel riso".

Ecco perché bisogna mangiare riso integrale: il parere di Franco Berrino


Berrino nel video che vi proponiamo continua dicendo: "Adesso lo Scotti si è inventato l'olio di riso: prima lo buttavia, adesso hanno detto: 'invece di buttarlo via lo vendo caro'. E dico 'ma che olio, io mi mangio il riso completo con tutte le sostanze che ci son dentro'." Il riso integrale, spiega l'epidemiologo, "è buono anche senza condirlo". Il riso integrale ha un tempo di cottura di almeno 40-45 minuti: "Ma la gente mi dice: 'Eh, ma io non ho tempo perché ci vogliono 45 minuti su cuocerlo'. E dico 'bravo, furbo che tu mentre cuoci stai lì a guardarlo'. E poi Berrino spiega anche come va cucinato il riso integrale: "Non va cucinato come il riso bianco, non è che butti il riso nell'acqua e poi alla fine scoli.Perché nell'acqua passano delle sostanze buone. Il riso bianco potete cuocerlo in tantissima acqua, quello integrale si cuoce con una tazza di riso integrale e due tazze di acqua, un pizzico di sale marino e appena bolle si abbassa il fuoco al minimo a si mette un frangifiamma. In 45 minuti consuma tutta la sua acqua ed è perfettamente cotto.

Sei su Facebook? Aiutaci a diffondere questa notizia!




banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

Corsi - Prevenzione a tavola

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo