I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Glicemia alta? Le staminali alterate che producono insulina

I ricercatori hanno scoperto un modo per alterare le cellule embrionali staminali in modo da produrre insulina

Pubblicato il 10/10/2014 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Glicemia alta? Le staminali alterate che producono insulina


(Video di repertorio - Berrino: "Stiamo avvelenando i nostri bambini) Forse chi soffre di diabete non avrà più bisogno di controllare continuamente se ha la glicemia alta. Un gruppo di scienziati dell'Università di Harvard ha scoperto un modo per alterare le cellule embrionali staminali e trasformarle in cellule che producono e rilasciano insulina. Questa tecnica innovativa consiste nel ricreare il processo di formazione delle cellule beta, che si trovano nel pancreas e rilasciano insulina. I ricercatori di Harvard ci sono riusciti stimolando in un certo modo determinati geni. Ci sono voluti 15 anni di lavoro, ma ora gli scienziati sono capaci di creare milioni di queste cellule e sperano di poterle trapiantare su esseri umani il prossimo anno. Si tratta di cellule, ha spiegato il professor Doug Melton a NPR, che tengono conto della quantità di zuccheri nel sangue che compare in seguito a un pasto ed emettono l'insulina necessaria all'organismo.

COSA POTREBBE CAMBIARE PER I DIABETICI


I diabetici per regolare la concentrazione di glucosio nel sangue devono fare affidamento su iniezioni di insulina, che richiede attenzione e un continuo monitoraggio. Un controllo inefficiente dei livelli di glucosio nel sangue può portare alcuni pazienti alla cecità o a perdere gli arti, mentre se il processo di Melton funzionasse non ci sarebbe bisogno di controlli continui, dato che sarebbero le cellule a monitorare la concentrazione del glucosio. Gli esperimenti in laboratorio fanno sperare: le cellule sono state trapiantate sui ratti e i livelli di insulina sono rimasti stabili. Ora gli scienziati di Harvard stanno lavorando con un team di ricercatori di Chicago per testare le cellule sui primati. Tuttavia chi soffre di diabete di tipo 1 potrebbe non godere dei benefici portati da queste cellule. Infatti questa particolare forma della malattia, detta anche "diabete giovanile", distrugge le cellule beta, perciò il team guidato da Melton sta pensando di ricoprire queste le cellule con una capsula protettiva in modo da risolvere il problema. Ma c'è un altro ostacolo da superare. Molti sono contro l'utilizzo delle cellule staminali embrionali, perciò i ricercatori di Harvard si sono già messi al lavoro per riprodurre il processo su altri tipi di cellule. Sei d'accordo con il professor Berrino? Condividi la foto su Facebook!
Fonte: Russia Today



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Corsi - Prevenzione a tavola

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali