I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Ebola in Italia? Esperti rassicurano, ma c’è il rischio

Lo studio di un team di ricercatori americani

Pubblicato il 07/10/2014 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Ebola in Italia? Esperti rassicurano, ma c'è il rischio


Un mese fa le probabilità dell'arrivo dell'Ebola in Italia entro fine settembre erano del 5% circa e in Europa sotto il 10%, secondo le previsioni degli scienziati della Northeastern University di Boston. Il team di ricercatori guidato da Alessandro Vespignani ha utilizzato le informazioni sul traffico aereo, il cui eventuale blocco non favorirebbe la lotta all'epidemia, anzi aumenterebbe le probabilità di contagio in quanto limiterebbe gli spostamenti. Il modo migliore per contrastare Ebola è, secondo Vespignani, intervenire in Africa occidentale, dove l'epidemia è scoppiata. In generale, ha spiegato anche il medico, è importante incrementare gli sforzi per migliorare i sistemi sanitari dei paesi poveri.

PRIMO CASO DI EBOLA IN SPAGNA


Secondo Giuseppe Ippolito dello Spallanzani di Roma, che è il centro di riferimento per la malattia nel nostro paese, in Italia "il rischio di contagio è zero" e "l'Italia ha la capacita di gestire eventuali casi". Ad ogni modo, in Spagna è stato registrato ieri il primo caso di contagio europeo: si tratta di un'infermiera 40enne che aveva assistito i due missionari spagnoli rimpatriati dopo aver contratto il virus in Africa. El País riporta che la donna è entrata in contatto con circa 100 infermieri o medici spagnoli, che verranno tenuti sotto controllo: dovranno misurarsi la febbre due volte al giorno, ma potranno girare normalmente, dato che il virus diventa contagioso solo una volta che si manifestano i primi sintomi.

LE PREVISIONI DI VESPIGNANI


ebolatrafficconnections4 Secondo le ultime previsioni dei ricercatori della Northeastern University, aggiornate al 1 ottobre, la probabilità che un viaggiatore che ha contratto l'Ebola raggiunga il Regno Unito è del 50%, e che raggiunga la Francia entro il 24 ottobre è del 75%. L'Italia meno, il 14% circa, perché il volume di traffico aereo da e verso l'Africa occidentale è minore. Fonti: Ansa; Ansa; El País; The Daily Mail

Seguici su Facebook se ti interessano le nostre notizie


Puoi seguirci anche su Twitter e Google+.



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Corsi - Prevenzione a tavola

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore