I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

La psoriasi colpisce circa 2 milioni e mezzo di italiani

In un anno un paziente affetto da psoriasi applica circa 9 chili di prodotti per alleviare i sintomi

Pubblicato il 06/10/2014 da Prevenzione a tavola

La psoriasi colpisce circa 2 milioni e mezzo di italiani nelle sue varie forme. "Abbiamo calcolato che in un solo anno un paziente psoriasico applica circa 9 chili di prodotti cosmetici per alleviare i sintomi delle lesioni dei casi severi, e quasi 5 kg nei casi lievi e moderati, mentre un soggetto sano ne usa in media 1500-1800 grammi". Lo rivela Adele Sparavigna, responsabile del disciplinare valutativo di Skineco, in occasione del primo corso 'InFormati con Skineco', che si tiene a Roma.Il calcolo è stato eseguito da Skineco attraverso l'Istituto di ricerche cliniche Derming considerando una applicazione di prodotto due volte al giorno nelle zone colpite dalla malattia. "Si tratta di oltre 90 chili di prodotti in dieci anni, su una pelle delicata, sofferente, altamente reattiva agli stimoli interni ed esterni" continua Sparavigna."E' evidente come i prodotti usati in concomitanza con patologie cutanee o pelli problematiche debbano essere il più possibile in equilibrio con il sistema che le accoglie e contenere materie prime EcoDermoCompatibili", prosegue Pucci Romano, presidente Skineco. "In dermatologia si sta affermando la 'terapia cosmetica integrata' un approccio che unisce l’uso di farmaci a prodotti che non hanno una funzione curativa ma che migliorano il benessere, il comfort, l’aspetto e la qualità della vita".Insomma, il concetto è usare prodotti il più possibile ecologici, ipoallergenici e dermatologicamente testati che possono contenere basse quantità di molecole non ammesse nei disciplinari più severi purché in quantità minime e quindi figurare nella parte più bassa dell’Inci, la lista degli ingredienti di un prodotto (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients).Chi ha una problematica cutanea dovrebbe dunque evitare tutte quelle sostanze che derivano dalla raffinazione del petrolio come petrolati, paraffina liquida, vaselina, dimeticone e siliconi in genere a cui si aggiungono le 'nanoparticelle' che suscitano non pochi dubbi sui loro effetti a lungo termine.Eppure "ancora pochi dei trattamenti umettanti e idratanti consigliati rispondono ai requisiti dell’EcoDermoCompatibilità. Dobbiamo pensare che la pelle non è un 'rivestimento' ma un organo di scambio e comunicazione, quello che applichiamo si interfaccia con l’interno, non a caso esistono farmaci 'topici' e vie di somministrazione di molecole che passano per la pelle. Abbiamo verificato l’interesse delle aziende che si rivolgono a noi per consulenze mirate a diminuire il contenuto di sostanze non EcoDermoCompatibili nei loro prodotti, a loro volta sollecitate anche da una clientela consapevole e sempre più informata - racconta Pucci Romano - l'obiettivo è evitare che i residui di 5-9 milioni di chili di creme e lozioni impattino sul nostro delicato ecosistema". (ADNKronos)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco cosa succede a mangiare un uovo al giorno

Nuovo studio riabilita l'alimento: riduce il rischio cardiovascolare

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Corsi - Prevenzione a tavola

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo