I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Verme Bobbitt : la creatura che terrorizza i mari

Può arrivare ad una lunghezza di 3 metri

Pubblicato il 04/09/2014 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Verme Bobbitt: la creatura che terrorizza i mari


"Emergendo dal fondo del mare spunta uno dei più atroci e orrendi predatori: un gigante verme segmentato. Il bobbitt arriva a 3 metri di lunghezza. Il verme si nasconde sotto la superficie finché passa il primo pesce e poi colpisce. Non ha né occhi né cervello. Un altro pesce è ignaro della presenza del Bobbitt proprio dietro. Primo colpo e le potenti mascelle del bobbitt hanno inciso un profondo taglio sul lato del pesce. Il pesce pare scioccato e torna di nuovo dal bobbitt, che non sbaglia il secondo colpo e trascina il pesce nella sua tana", spiega la voce narrante nel documentario. Il verme Bobbitt, Eunice aphroditoidis, deve il suo nome alla falsa credenza che la femmina taglia il pene del maschio. La storia risale al 1981, quando un fotografo lo immortalò e disse che la pratica rimembrava il "Caso Bobbitt": Lorena Bobbitt nel 1981 asportò parte del pene di suo marito con un coltello da cucina. Questo verme segmentato, dotato di chele in grado di talmente affilate da poter tagliare in due la preda, è uno dei predatori più feroci e vive in acque profonde tra i 10 e i 40 metri. I bobbitt possiedono 5 antenne grazie a cui percepiscono la presenza delle prede Restano nascosti sotto la sabbia in attesa che passi la prima vittima, e al momento giusto la attaccano. Poi si ritirano nella loro tana per consumare il pasto. In caso non riesca a catturare nessuna preda, il bobbitt si nutre di alghe e altre piante marine, di cui si possono notare frammenti intorno alla tana.

Verme Bobbitt: la creatura che terrorizza i mari




banner basso postfucina







  • Segui TV:


NOTIZIE + RECENTI

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

Corsi - Prevenzione a tavola

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti