I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Il pesce che cammina fuori dall’acqua

Uno studio pubblicato su Nature simula la transizione dalla vita marina a quella terrestre

Pubblicato il 28/08/2014 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Il pesce che cammina fuori dall'acqua


400 milioni di anni fa i pesci uscivano dall'acqua e hanno iniziavano un lungo processo evolutivo che li ha portati dalla vita marina a quella terrestre. Il paleontologo americano Neil Shubin, autore del libro Your inner fish, è giunto alla conclusione che l'uomo discende dai pesci, fatto che verrebbe dimostrato da alcune imperfezioni del nostro organismo come gli infarti e le ernie. Nel 2004 Shubin si recò nell'Artico canadese e portò alla luce il fossile di un pesce di 375 milioni di anni fa che possedeva collo e mani: questa sarebbe la dimostrazione che la Terra sia stata abitata da almeno un essere vivente "di transizione", spiega La Repubblica, dalla vita marina a quella terrestre. Ma i pesci come hanno imparato a camminare? Un gruppo di ricercatori dell'Università di Ottawa si è posto questa domanda e ha realizzato uno studio, pubblicato su Nature, in cui emula la fase di transizione dalla vita marina a quella terrestre utilizzando dei biscir, dei pesci dotati di pinne resistenti e in grado di camminare in caso di necessità. Un gruppo di biscir è stato allevato per 8 mesi solamente sulla terraferma, in modo da poter essere confrontati con un altro gruppo cresciuto in condizioni normali. Emily Standen, che ha condotto la ricerca, ha detto in merito: "Sin dall'inizio sono rimasto sorpreso al vedere che i biscir sopravvivevano in un ambiente terrestre. E' stato fantastico. Poi abbiamo analizzato i il loro comportamento e le differenze dal punto di vista anatomico. Eravamo entusiasti". I pesci cresciuti sulla terraferma avevano un andatura diversa: camminavano con le pinne più vicine al corpo e alzavano di più la testa e questo permetteva loro di scivolare meno rispetto ai pesci cresciuti in condizioni normali. Anche gli scheletri dei "pesci terrestri" si sviluppavano in maniera diversa: le ossa che sostengono le pinne assumevano una forma diversa in modo da supportare il peso del corpo sul terreno. Per di più, gli scienziati hanno riscontrato che i pesci allevati sulla terraferma presentavano acquisivano maggiore mobilità del collo e della schiena, che sarebbe importante in una fase di transizione dalla vita marina a quella terrestre. Seguici su Facebook se ti interessano le nostre notizie

Puoi seguirci anche su Twitter e Google+.

Il pesce che cammina fuori dall'acqua




banner basso postfucina







  • Segui TV:


NOTIZIE + RECENTI

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

Corsi - Prevenzione a tavola

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo