I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Microplastiche in mare: pericolo per l’ambiente

Gli animali ingeriscono microframmenti di plastica che finiscono sulle nostre tavole

Pubblicato il 25/08/2014 da Prevenzione a tavola

Microplastiche in mare: pericolo per l'ambiente


A recare gravi danni all'ambiente non sono soltanto i grandi pezzi di plastica, ma anche e soprattutto i microframmenti, che vengono ingeriti da pesci e altri animali e vanno quindi a finire sulle nostre tavole. La microplastica viene creata da micro perle che vengono utilizzate per produrre dentifrici, gel e detergenti per il viso. Il problema è che, appunto, questa viene poi mangiata da pesci e altri organismi viventi come cozze, vermi, uccelli marini e zooplancton e alla fine diventano una "fonte di prodotti chimici nella nostra alimentazione".

Microplastiche in mare: pericolo per l'ambiente


Il Guardian riporta che gli scienziati hanno riscontrato nella baia di Sydney "livelli allarmanti" di microplastica, che danneggiano sempre più l'ecosistema marino. Si tratta di minuscoli frammenti di meno di 5 mm di lunghezza e sono stati trovati nei 27 siti in cui è stato esaminati. I ricercatori dell'Università del New South Wales hanno rilevato tra le 60 e le 100 particelle di plastica ogni 100 ml di sedimento bagnato raccolto dal fondo del mare. Queste parrticelle provengono da capi d'abbigliamento come i tessuti di lana, che rilasciano del materiale quando vengono lavati e da maschere per il viso. "In precedenza ci si era concentrati su pezzi di plastica più grandi come nuociono alla salute di tartarughe e uccelli, ma è probabile che la microplastica stia recando un danno maggiore", ha detto Emma Johnston, che ha condotto la ricerca

Microplastiche in mare: pericolo per l'ambiente


Seguici su Facebook se ti interessano le nostre notizie

Puoi seguirci anche su Twitter e Google+.

Microplastiche in mare: pericolo per l'ambiente




banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Corsi - Prevenzione a tavola

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore