I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

La claritromicina associata a maggiore rischio di infarto

Lo studio pubblicato sul British Medical Journal

Pubblicato il 22/08/2014 da Prevenzione a tavola

La claritromicina associata a maggiore rischio di infarto


La claritromicina, uno degli antibiotici che più vengono prescritti dai medici è stata associata ad un maggiore rischio di morte a causa di infarto. Lo riporta l'Independent. Questo antibiotico viene impiegato per curare diverse infezioni batteriche e viene somministrato a milioni di persone ogni anno. Il suo utilizzo è già sconsigliato a chi soffre di malattie cardiache, ma da uno studio di alcuni ricercatori danesi è emerso che questo farmaco causa 37 morti potenziali ed evitabili su 1 milione rispetto agli altri antibiotici. Nonostante il rischio sia relativamente basso, è stato detto che il fatto che la claritromicina sia stata prescritta a così tante persone significa che c'è bisogno di una "urgenta conferma" di questa scoperta. Ad ogni modo, per ora non è stata richiesto alcuno stop alla prescrizione del medicinale. La claritromicina appartiene ad un gruppo di antibiotici che si chiamano macrolidi, conosciuti per l'effetto che hanno sul ritmo dell'attività muscolare del cuore umano, l'intervallo QT, e perciò aumentano il rischio che si abbiano problemi che potrebbero rivelarsi fatali. I dottori prestano estrema attenzione nel somministrare i macrolidi ai pazienti affetti dalla "Sindrome del QT lungo", che causa episodi di Aritmia, ovvero l'alterazione del ritmo cardiaco normale. L'uso costante di claritromicina fa aumentare del 76% il rischio di morte a causa di infarto rispetto ad antibiotici simili come la penicillina V, riporta uno studio pubblicato ieri sul British Medical Journal. Sei su Facebook? Aiutaci a far girare questa notizia

Seguici anche su Twitter e Google+.

La claritromicina associata a maggiore rischio di infarto




banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Corsi - Prevenzione a tavola

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Corsi - Prevenzione a tavola

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?