I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

La claritromicina associata a maggiore rischio di infarto

Lo studio pubblicato sul British Medical Journal

Pubblicato il 22/08/2014 da Prevenzione a tavola

La claritromicina associata a maggiore rischio di infarto


La claritromicina, uno degli antibiotici che più vengono prescritti dai medici è stata associata ad un maggiore rischio di morte a causa di infarto. Lo riporta l'Independent. Questo antibiotico viene impiegato per curare diverse infezioni batteriche e viene somministrato a milioni di persone ogni anno. Il suo utilizzo è già sconsigliato a chi soffre di malattie cardiache, ma da uno studio di alcuni ricercatori danesi è emerso che questo farmaco causa 37 morti potenziali ed evitabili su 1 milione rispetto agli altri antibiotici. Nonostante il rischio sia relativamente basso, è stato detto che il fatto che la claritromicina sia stata prescritta a così tante persone significa che c'è bisogno di una "urgenta conferma" di questa scoperta. Ad ogni modo, per ora non è stata richiesto alcuno stop alla prescrizione del medicinale. La claritromicina appartiene ad un gruppo di antibiotici che si chiamano macrolidi, conosciuti per l'effetto che hanno sul ritmo dell'attività muscolare del cuore umano, l'intervallo QT, e perciò aumentano il rischio che si abbiano problemi che potrebbero rivelarsi fatali. I dottori prestano estrema attenzione nel somministrare i macrolidi ai pazienti affetti dalla "Sindrome del QT lungo", che causa episodi di Aritmia, ovvero l'alterazione del ritmo cardiaco normale. L'uso costante di claritromicina fa aumentare del 76% il rischio di morte a causa di infarto rispetto ad antibiotici simili come la penicillina V, riporta uno studio pubblicato ieri sul British Medical Journal. Sei su Facebook? Aiutaci a far girare questa notizia

Seguici anche su Twitter e Google+.

La claritromicina associata a maggiore rischio di infarto




banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Cosa mangiare per combattere il freddo

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Corsi - Prevenzione a tavola

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Corsi - Prevenzione a tavola

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale