I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Curare il cancro con il veleno di scorpione

E anche il veleno di api e serpenti sarebbe efficace

Pubblicato il 11/08/2014 da Prevenzione a tavola

Curare il cancro con il veleno di scorpione


Il veleno di scorpione, ape o serpente potrebbe essere alla base delle di una nuova generazione di medicine per combattere e il cancro. Gli scienziati hanno ideato un metodo per indirizzare le proteine del veleno solamente alle cellule tumorali, evitando di colpire quelle sane, riducendo o eliminando gli effetti collaterali che le tossine provocherebbero.Il rapporto è stato presentato al 248esimo meeting della American Chemical Society, la più grande società scientifica al mondo. Durante l'incontro, a cui stanno partecipando migliaia di scienziati, verranno presentati circa 12.000 rapporti sulle nuove scoperte.Dipanjan Pan, il medico che ha condotto lo studio, ha dichiarato in merito: "Abbiamo impiegato le tossine del veleno in minuscole particelle per curare il cancro al seno e melanoma in laboratorio."Queste particelle portano le tossine direttamente alle cellule tumorali, risparmiando i normali tessuti".Il veleno di scorpione, ape e serpente, spiega Newswise, contiene proteine e peptidi che, quando vengono separate dagli altri composti e testati individualmente, possono attaccare le membrane delle cellule tumorali. Questa attività è in grado, potenzialmente, di bloccare la crescita e la diffusione della malattia. Pan e il suo team hanno detto che le sostanze contenute in questi veleni possono essere validi alleati nella lotta contro il cancro. Ma iniettando semplicemente il veleno su un paziente può avere effetti collaterali, come recare danno alle cellule nervose e ai muscoli del cuore o il sanguinamento sotto la pelle.Perciò il gruppo guidato da Pam stanno pensando a risolvere questo problema. Leggiamo su TgCom che "gli esperti hanno usato la proteina del veleno delle api, la mellitina, risintetizzandola in grandi quantità in laboratorio (le api ne producono pochissima) e poi l'hanno "impacchettata" in nanoparticelle per veicolare la terapia nel cuore del tumore. Queste nanoparticelle si sono dimostrate capaci di penetrare nel tessuto malato risparmiando le cellule sane limitrofe e di bloccare la crescita del tumore"Entro 3-5 anni si dovrebbero iniziare le prime sperimentazioni di medicine anticancro realizzate con questi veleni sui pazienti.Seguici su Facebook se ti interessano le nostre notizie
Puoi seguirci anche su Twitter e Google+.



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Corsi - Prevenzione a tavola

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero