I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Acidificazione degli oceani: la prova nelle lumache di mare

Lo studio pubblicato su Proceedings of the Royal Society B

Pubblicato il 28/07/2014 da Prevenzione a tavola

Acidificazione degli oceani: la prova nelle lumache di mare

I gusci delle lumache di mare stanno iniziando a dissolversi. E' emerso da una ricerca pubblicata sulla rivista scientifica Proceedings of the Royal Society B. Leggiamo su Greenreport: "Un gruppo di ricerca statunitensi della National Oceanic and Atmospheric Administration (Noaa) e dell’Oregon State University ha trovato la prima prova che l’acidità delle acque della piattaforma continentale sta dissolvendo i gusci degli pteropodi, le piccole lumache marine che nuotano al largo della costa occidentale Usa, che forniscono cibo al salmone rosa, allo sgombro e all’aringa. I risultati dello studio sono illustrati nella ricerca “Limacina helicina shell dissolution as an indicator of declining habitat suitability owing to ocean acidification in the California Current Ecosystem”, pubblicata su Proceedings of the Royal Society B". I ricercatori, spiega Greenreport, "stimano che, rispetto all’epoca pre-industriale, la percentuale di pteropodi le cui conchiglie si stanno dissolvendo causa dell’acidificazione degli oceani si sia raddoppiato negli habitat “nearshore” ed che sia sulla strada per triplicare entro il 2050, quando le acque costiere diventano il 70% più corrosive che nell’epoca pre-industriale a causa dell’acidificazione degli oceani di origine antropica". Nina Bednarsek, del Pacific Marine Environmental Laboratory del Noaa di Seattle, una degli autori principali dello studio, ha dichiarato in merito: "I nostri risultati sono la prima prova che una grande frazione della popolazione pteropodi della West Coast è colpita dall’acidificazione degli oceani. La dissoluzione delle conchiglie degli pteropodi costieri indicano la necessità di studiare come l’acidificazione può interessare il più grande ecosistema marino. Queste acque vicino alla riva sono l’habitat essenziale per una grande diversità di specie marine, tra cui molti pesci economicamente importanti, che sostengono le economie costiere e ci forniscono il cibo". L'anidride carbonica assorbita nell'oceano è la causa dell'aumento della corrosività delle acque ed è stato scoperto che "la più alta percentuale di pteropodi campionati con le conchiglie in dissoluzione era lungo un tratto delle piattaforma continentale che va dal nord dello Stato di Washington al centro della California, dove il 53% degli pteropodi aveva conchiglie gravemente disciolte". Il fenomeno potrebbe provocare danni simili ad altri esemplari, infatti Richard Feely del Pacific Marine Environmental Lab della Noaa ha spiegato che sono "necessarie ulteriori ricerche per studiare come le acque corrosive possono interessare altre specie nell’ecosistema. Sappiamo che organismi come le larve di ostriche e gli pteropodi sono influenzati dall’ acqua arricchita di anidride carbonica. Gli impatti su altre specie, come gli altri frutti di mare e le larve o i giovani di pesci che hanno rilevanza economica, non sono ancora pienamente compresi". Seguici su Facebook, Twitter e Google+ se sei interessato alle nostre notizie.



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

Corsi - Prevenzione a tavola

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti