I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

GB: Lo ‘sporco segreto’ sulla produzione del pollo

La rivelazione del Guardian

Pubblicato il 24/07/2014 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

GB: Lo 'sporco segreto' sulla produzione del pollo


(Video: Un allevatore ammassa i polli in una cassetta)Tre delle maggiori catene di supermercati britannici hanno avviato indagini sui propri fornitori di pollame in seguito alle rivelazioni del quotidiano The Guardian. L'inchiesta ha svelato la mancanza di igiene nel processo di produzione di pollo, documentandola con foto e video girati all'interno di alcuni stabilimenti. Grazie a degli informatori è stato scoperto che le regole per prevenire la contaminazione del batterio Campylobacter, che è potenzialmente letale, vengono puntualmente trasgredite.037b523b-155c-4384-b5a4-21706a2ac681-680x1020Come si può vedere nella foto sopra, sul pavimento di alcune fabbriche sono stati trovati intestini di pollo, nei quali questo tipo di batterio prospera. E' anche capitato che le carcasse dei polli entrassero a contatto con gli stivali del personale, senza che poi i polli fossero scartati. Queste ed altre pratiche aumentano il rischio che il Campylobacter si diffonda. Il batterio colpisce 280.000 persone all'anno nel Regno Unito, e si pensa che abbia causato la morte di un centinaio.Il Campylobacter viene ucciso attraverso la cottura ad alte temperature, ma, come spiega Il Fatto Alimentare, "le contaminazioni avvengono spesso in modo indiretto in cucina attraverso posate o contenitori utilizzati prima per la carne di pollo cruda e poi per altri alimenti". Questo batterio si trova "per lo più nella carne di pollame cruda e nel latte crudo (oltre che in pollli, maiali e bovini vivi), e come la Salmonella può provocare febbre e diarrea".Foto sotto: il Campylobacterc9d50d33-3312-4005-a7c7-10e97606ceb0-620x372La Campylobacteriosi è la prima causa di contaminazione alimentare in Europa, ma in Italia, leggiamo sempre sul Fatto Alimentare, "il batterio risulta pressoché sconosciuto".Tuttavia Antonia Ricci, un esperta dell’Efsa, ha fatto notare che "la situazione è complessa perché gli allevamenti e il sistema di distribuzione alimentare italiano è simile a quello degli altri Paesi e quindi Campylobacter esiste anche da noi. Il problema è che non ci sono piani di monitoraggio obbligatori negli animali o negli alimenti, per cui solo pochi laboratori lo cercano e nelle statistiche ufficiali il temuto microbo risulta pressoché sconosciuto".Per di più, degli studi effettuati dall’Istituto zooprofilattico sperimentale delle Venezie hanno mostrato che il batterio "è molto diffuso anche in Italia."Seguici su Facebook, Twitter e Google+ se sei interessato alle nostre notizie.



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Corsi - Prevenzione a tavola

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero