I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Come trasformare l’acqua in ghiaccio in un istante

Basta dare un colpetto alla bottiglia

Pubblicato il 22/07/2014 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Come trasformare l'acqua in ghiaccio in un istante


Non è magia, è scienza. Si tratta dello stesso principio fisico che viene utilizzato per realizzare sculture di ghiaccio. L'acqua per diventare ghiaccio, alla temperatura di 0°, ha bisogno di un nucleo, in modo che si formino dei cristalli solidi . Al contrario, nell'acqua che non contiene impurità non si trovano questi nuclei necessari per il processo di solidificazione e, di conseguenza, questa può raggiungere temperature fino ai 40° pur senza ghiacciarsi. Per trasformare l'acqua in ghiaccio in un istante bisogna per prima cosa mettere una bottiglia d'acqua in freezer e lasciarla per circa tre ore, in modo che si "sottoraffreddi", cioè che raggiunga una temperatura inferiore a quella necessaria per solidificarsi, pur restando liquida. Quando la temperatura dell'acqua è così bassa basta dare un colpetto alla bottiglia perché si inneschi un processo chiamato nucleazione. Si avvia così un cambiamento di stato detto "cristallizzazione", che "è una transizione di fase della materia, da liquido a solido, nel quale composti disciolti in un solvente solidificano, disponendosi secondo strutture cristalline ordinate". Il colpetto dato al nucleo di ghiaccio presente nella bottiglia dà il via ad una reazione a catena. Nel video viene mostrato anche un altro esperimento: se si versa dell'acqua sul ghiaccio si viene a formare una sorta di "ghiaccio mezzo sciolto". Quando l'acqua sopraffusa finisce sul ghiaccio la struttura cristallina si espande lungo l'acqua e il calore latente rilasciato durante il processo di raffreddamento fa sì che il ghiaccio non si solidifichi. Sei su Facebook? Allora segui la nostra pagina

Puoi anche seguirci su Twitter e Google+.



banner basso postfucina







  • Segui TV:


NOTIZIE + RECENTI

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Corsi - Prevenzione a tavola

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali