I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

6 cose agghiaccianti che devi sapere sul pesce

6 motivi per cui dovremmo pensare due volte prima di comprare e mangiare pesce

Pubblicato il 17/07/2014 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

6 cose agghiaccianti che devi sapere sul pesce


Video: (I gamberetti a basso prezzo per gli schiavi in Thailandia) L'industria della pesce è brutale, sia per i pesci che per gli uomini, e per svariati motivi. Il pesce allevato è sottoposto a trattamenti terribili, mentre quello pescato in mare viene preso senza curarsi delle conseguenze. Treehugger.com ha elencato i 6 motivi per cui dovremmo pensare due volte prima di comprare e mangiare pesce. Eccoli di seguito: 1) I pescherecci sono, fondamentalmente, navi da guerra Le barche da pesca oggi sono dotate di radar, ecoscandagli che una volta venivano utilizzati per localizzare i nemici, GPS satellitari e informazioni sulla temperatura delle acque che vengono utilizzate per individuare i banchi di pesce. 2) La quantità di pesce pescato "per sbaglio" è impressionante Sono circa 25 i kg di pesce che viene pescato e rigettato in mare per ogni kg di gamberi pescati. La pesca a strascico, che è il metodo utilizzato per catturare i gamberetti, è particolarmente dannosa per l'ambiente: "le reti a strascico infatti distruggono o asportano qualunque cosa incontrino sul fondale, pesci, invertebrati, coralli, alghe, posidonie, eccetera e lasciano un ambiente devastato dove le comunità biotiche originarie si potranno reimpiantare solo dopo molto tempo". 3) Se compri gamberetti provienenti dalla Thailandia sostieni lo schiavismo Lo avevamo già riportato in un altro articolo: "i giornalisti del The Guardian Kate Hodal, Chris Kelly e Felicity Lawrence hanno svelato che sui pescherecci che catturano il pesce destinato all’allevamento di gamberetti in Thailandia e Cambogia decine di pescatori sono tenuti sotto schiavitù". 4) I tonni vengono catturati grazie a dei dispositivi per attirare il pesce (FAD) Leggiamo sul sito di Greenpeace che "I FAD sono oggetti galleggianti che attirano esemplari giovani di tonno, ma anche specie minacciate come tartarughe marine, squali balena e altri pesci che regolarmente finiscono in queste reti in modo accidentale. Una volta pescati, tonni diversi vengono conservati e congelati tutti insieme a bordo, e la loro identificazione risulta difficile. L'utilizzo dei FAD sta distruggendo l'ecosistema marino e conducendo gli stock di tonno verso il collasso". 5) Pesce pescato o di allevamento? Nessuno dei due è buono Negli allevamenti di pesce vengono utilizzati pesticidi e antibiotici per eliminare i parassiti e bloccare la diffusione di malattie. Infatti al loro interno i pesci vivono ammucchiati e sono malnutriti. Per quanto riguarda il pesce pescato in mare, non c'è alcuna limitazione alla carneficina: la pesca a strascico distrugge sia la fauna che la flora marina. 6) La popolazione di cavallucci marini è diminuita del 50% in 5 anni Questi gioiellini dei fondali rischiano di estinguersi: "Purtroppo diverse specie di cavalluccio marino rischiano l’estinzione, non ci sono dati storici che possono confermarne la riduzione, però è sempre più difficile osservali. Tra le cause principali della riduzione della popolazione di cavallucci marini figurano la perdita di habitat, provocata dall’inquinamento e dall’acidificazione degli oceani, e l’utilizzo del cavalluccio marino nella medicina tradizionale cinese. Il cavalluccio marino viene infatti usato come afrodisiaco, essiccato e grattuggiato".



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Corsi - Prevenzione a tavola

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Corsi - Prevenzione a tavola

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?