I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

6 cose agghiaccianti che devi sapere sul pesce

6 motivi per cui dovremmo pensare due volte prima di comprare e mangiare pesce

Pubblicato il 17/07/2014 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

6 cose agghiaccianti che devi sapere sul pesce


Video: (I gamberetti a basso prezzo per gli schiavi in Thailandia) L'industria della pesce è brutale, sia per i pesci che per gli uomini, e per svariati motivi. Il pesce allevato è sottoposto a trattamenti terribili, mentre quello pescato in mare viene preso senza curarsi delle conseguenze. Treehugger.com ha elencato i 6 motivi per cui dovremmo pensare due volte prima di comprare e mangiare pesce. Eccoli di seguito: 1) I pescherecci sono, fondamentalmente, navi da guerra Le barche da pesca oggi sono dotate di radar, ecoscandagli che una volta venivano utilizzati per localizzare i nemici, GPS satellitari e informazioni sulla temperatura delle acque che vengono utilizzate per individuare i banchi di pesce. 2) La quantità di pesce pescato "per sbaglio" è impressionante Sono circa 25 i kg di pesce che viene pescato e rigettato in mare per ogni kg di gamberi pescati. La pesca a strascico, che è il metodo utilizzato per catturare i gamberetti, è particolarmente dannosa per l'ambiente: "le reti a strascico infatti distruggono o asportano qualunque cosa incontrino sul fondale, pesci, invertebrati, coralli, alghe, posidonie, eccetera e lasciano un ambiente devastato dove le comunità biotiche originarie si potranno reimpiantare solo dopo molto tempo". 3) Se compri gamberetti provienenti dalla Thailandia sostieni lo schiavismo Lo avevamo già riportato in un altro articolo: "i giornalisti del The Guardian Kate Hodal, Chris Kelly e Felicity Lawrence hanno svelato che sui pescherecci che catturano il pesce destinato all’allevamento di gamberetti in Thailandia e Cambogia decine di pescatori sono tenuti sotto schiavitù". 4) I tonni vengono catturati grazie a dei dispositivi per attirare il pesce (FAD) Leggiamo sul sito di Greenpeace che "I FAD sono oggetti galleggianti che attirano esemplari giovani di tonno, ma anche specie minacciate come tartarughe marine, squali balena e altri pesci che regolarmente finiscono in queste reti in modo accidentale. Una volta pescati, tonni diversi vengono conservati e congelati tutti insieme a bordo, e la loro identificazione risulta difficile. L'utilizzo dei FAD sta distruggendo l'ecosistema marino e conducendo gli stock di tonno verso il collasso". 5) Pesce pescato o di allevamento? Nessuno dei due è buono Negli allevamenti di pesce vengono utilizzati pesticidi e antibiotici per eliminare i parassiti e bloccare la diffusione di malattie. Infatti al loro interno i pesci vivono ammucchiati e sono malnutriti. Per quanto riguarda il pesce pescato in mare, non c'è alcuna limitazione alla carneficina: la pesca a strascico distrugge sia la fauna che la flora marina. 6) La popolazione di cavallucci marini è diminuita del 50% in 5 anni Questi gioiellini dei fondali rischiano di estinguersi: "Purtroppo diverse specie di cavalluccio marino rischiano l’estinzione, non ci sono dati storici che possono confermarne la riduzione, però è sempre più difficile osservali. Tra le cause principali della riduzione della popolazione di cavallucci marini figurano la perdita di habitat, provocata dall’inquinamento e dall’acidificazione degli oceani, e l’utilizzo del cavalluccio marino nella medicina tradizionale cinese. Il cavalluccio marino viene infatti usato come afrodisiaco, essiccato e grattuggiato".



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

Corsi - Prevenzione a tavola

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti