I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Il pisolino perfetto a seconda delle esigenze

Gli studi dimostrano che riposarsi migliora le nostre performance

Pubblicato il 16/07/2014 da Prevenzione a tavola

Il pisolino perfetto a seconda delle esigenze


Molti di noi non riescono proprio a dormire di più la notte... E la domanda è: si può fare qualcosa per recuperare quelle ore di sonno perse? Secondo il Time i pisolini potrebbero esserci d'aiuto. Non possono certo essere un modo per recuperare quelle ore perse, ma possono fare "molto più di quanto si crede in meno tempo di quanto immmaginiamo". Senza pisolini il nostro aspetto tende a peggiorare e dormire meno ore del necessario può essere tra le cause di una morte prematura. Perciò, se si ha la possibilità, perché non fare un riposino dopo pranzo. In teoria dovremmo dormire almeno 10 ore, ma pochi hanno tempo per dormire tutto quel tempo. Secondo la Nasa si dovrebbe fare una pennichella sul posto di lavoro: ci sono studi che dimostrano che riposarsi migliora le nostre performance. I piloti che facevano un riposino di 25 minuti in cabina, sempre secondo la Nasa, erano molto più vigili e concentrati di chi non si riposava. Il pisolino perfetto a seconda delle esigenze: 1) Se si vuole essere più svegli e concentrati Bisogna dormire circa 10-20 minuti. Così facendo si guadagnerà in concentrazione e si sarà più vigili. Inoltre si ridurrà la pressione sanguigna. 2) Se il cervello non funziona al meglio Ci vuole una siesta di almeno un'ora. Porterà gli stessi benefici di un riposino di 10-20 minuti e in più migliora la memoria. 3) Se si ha bisogno di riprendersi completamente Ci vuole una dormita di un'ora e mezza. Porta tanti benefici e non ci lascia intontiti come succederebbe nei primi due casi. 4) Se non si ha molto tempo Bisogna dormire 10 minuti 5) Se proprio non si ha tempo Anche dormire qualche minuto porta benefici



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Corsi - Prevenzione a tavola

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

Corsi - Prevenzione a tavola

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?

Alla scoperta del topinambur, l’ortaggio che vi cambierà la vita

Il topinambur combina proprietà diuretiche con doti benefiche per abbassare la glicemia