I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Alimenti contaminati: i 10 cibi avvelenati

Alcuni alimenti importati possono contenere dei residui chimici molto pericolosi

Pubblicato il 14/07/2014 da Prevenzione a tavola

Alimenti contaminati: i 10 cibi avvelenati


Non tutti i cibi che si vendono in Italia sono sicuri, infatti alcuni alimenti importati possono contenere dei residui chimici molto pericolosi. La Coldiretti, pertanto, ha stilato una classifica dei cibi più pericolosi, ovvero quelli in cui sono presenti sostanze che non devono essere assunte. La classifica è stata realizzata, spiega Ecoo.it, sulla base del rapporto sui residui fitosanitari in Europa realizzato dall’Agenzia europea per la sicurezza alimentare. Questo problema è in parte causato dalla crisi economica, infatti, si legge sul sito: "In tutto questo gioca un ruolo fondamentale anche la crisi economica, che spinge sempre più i nostri connazionali ad acquistare prodotti alimentari a basso costo. Molte volte questi alimenti vengono realizzati da aziende che usano delle materie prime di bassa qualità, per ottenere un risparmio considerevole sui costi". Le importazioni di prodotti alimentari sono salite a 39 miliardi durante la crisi, perciò è importante che si faccia attenzione alla provenienza degli alimenti che si comprano e, soprattutto se si deve tenere anche un occhio al portafogli: "Secondo quanto ha specificato la Coldiretti, a rischiare maggiormente sono le persone che devono fare i conti con la crisi economica. E’ proprio in questi casi che ci si rivolge spesso a prodotti che costano di meno e che vengono realizzati con particolari metodi di produzione e con l’uso di materie prime di scarsa qualità". Ma veniamo al dunque. La percentuale accanto ad ogni alimento sta ad indicare il tasso di irregolarità riscontrate nei cibi in questione. Ecco i 10 cibi avvelenati che dovete evitare di comprare: 1) Peperoncino dal Vietnam (61,5%) 2) Melograno dalla Turchia (40,5%) 3) Frutto della passione dalla Colombia (25,0%) 4) Lenticchie dalla Turchia (24,3%) 5) Arance dall’Uruguay (19,0%) 6) Ananas dal Ghana (15,6%) 7) Foglie di tè dalla Cina (15,1%) 8) Riso dall’India (12,9%) 9) Fagioli dal Kenya (10,8%) 10) Cachi da Israele (10,7%)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

Corsi - Prevenzione a tavola

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo