I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Mais Ogm: ripubblicato lo studio di Séralini

La pubblicazione dello studio del professore era stata ritirata dalla rivista Food and Chemical Toxicology

Pubblicato il 10/07/2014 da Prevenzione a tavola

Mais Ogm, ripubblicato lo studio di Séralini


La pubblicazione della ricerca del prof. Gilles-Eric Séralini su mais e pesticidi venduti dalla Monsanto fu, a detta del professore, ritirata dalla rivista scientifica Food and Chemical Toxicology in seguito a pressioni di un gruppo di scienziati sul direttore della rivista stessa. Ora però lo studio di Séralini è stato ripubblicato sulla rivista Environmental Science Europe: "Ripubblicata su una nuova rivista scientifica la ricerca del Prof. Gilles-Eric Séralini sul mais GM e sul pesticida Roundup commercializzati da Monsanto. L’esperto francese dell’Università di Caen aveva svolto uno studio nutrizionale sui ratti per valutare gli effetti a lungo termine della varietà di mais geneticamente modificato NK603 e dell’erbicida a base di glifosato, commercializzato come Roundup". La ricerca, spiega il sito della Fondazione Diritti Genetici, era stata "pubblicata nel Settembre 2012 sulla rivista Food and Chemical Toxicology (FCT), aveva messo in evidenza disfunzioni ormonali e diversi danni al fegato e ai reni, nonché casi di mortalità e un elevato numero di tumori nella maggior parte dei gruppi testati. Tuttavia, la pubblicazione aveva scatenato un’aggressiva campagna diffamatoria e il conseguente intervento del direttore della rivista FCT, Dr. Wallace Haynes, che nel Novembre 2013 aveva ritirato la pubblicazione". Il gruppo di scienziati, leggiamo sempre sul sito, "aveva criticato l’inadeguatezza del metodo sperimentale, in particolare la dimensione del campione, il tipo di ratti utilizzato nell'esperimento (noto per la tendenza a sviluppare tumori), e la mancanza di informazioni sulla composizione dei menù somministrati agli animali". La decisione di ritirare la pubblicazione sarebbe dovuta a pressioni esterne e non basata su criteri scientifici: "La nuova pubblicazione, apparsa su Environmental Sciences Europe, ha superato una rigorosa seconda peer-review e contiene i dati grezzi della ricerca, insieme ad un commento nel quale lo stesso Séralini descrive le pressioni esercitate dal gruppo di scienziati a lui sfavorevoli sul direttore del Food and Chemical Toxicology per costringerlo a ritrattare la pubblicazione. Una decisione che non è giustificata da criteri prettamente scientifici ma da interessi puramente lobbistici". Le analisi biochimiche hanno confermato significative insufficienze renali croniche per tutti i trattamenti e per entrambi i sessi. to. Nei maschi trattati le congestioni fegato e le necrosi erano da 2,5 a 5,5 volte superiori. Nelle femmine è stato riscontrato un aumento della mortalità di due o tre volte. Questa differenza era evidente anche in tre gruppi di maschi alimentati con mais geneticamente modificato. Le femmine hanno sviluppato grandi tumori mammari più frequentemente e prima dei controlli. Questi risultati possono essere spiegati non solo con gli effetti che alterano il sistema endocrino non-lineari del Roundup, ma anche dalla dell'eccesso di espressione del transgene EPSPS o altri effetti nel mais OGM e le loro conseguenze sul metabolismo.



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

Corsi - Prevenzione a tavola

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti