I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Aspartame nelle bibite e malattie renali

C'è una forte correlazione positiva tra la malattia renale cronica e il consumo di bibite gassate contenenti aspartame

Pubblicato il 08/07/2014 da Prevenzione a tavola

Aspartame nelle bibite e malattie renali


E' durato ben undici anni lo studio del Brigham and Women’s Hospital di Boston grazie al quale si è scoperto che c'è una forte correlazione positiva tra la malattia renale cronica e il consumo di bibite gassate contenenti aspartame.La ricerca, che è stata pubblicata sul Clinical Journal of the American Society of Nephrology, ha monitorato per diversi anni 3.318 donne che consumavano bibite gassate dietetiche contenenti aspartame. Gli scienziati hanno tenuto in conto età, pressione sanguigna, abitudine al fumo, condizioni preesistenti come malattie cardiache o diabete e valutazione dei comportamenti alimentari nel 1984, 1986, 1990, 1994 e 1998. Bevendo due o più bibite gassate al giorno, ha rilevato lo studio, il rischio di malattia renale cronica era doppio.Uno studio indipendente pubblicato sul American Journal of Clinical Nutrition ha mostrato che, a differenza delle rassicurazioni dei produttori di aspartame in merito alla sicurezza dei prodotti, i casi di malattie come linfoma non Hodgkin e la leucemia sono ancora molti. Gli autori dello studio del Brigham and Women’s Hospital e della Harvard Medical School hanno ammesso che, mentre in questo particolare caso si dovrebbero considerare altre variabili come l'età del consumatore, hanno mostrato preoccupazioni per i rischi associati al consumo di bibite gassate dietetiche.E' importante notare che le bibite gassate dietetiche hanno un'alta concentrazione di sodio, in quantità maggiori rispetto alle bibite gassate che contengono zucchero o amido di mais.L'aspartame fu approvato dal Food and Drug Administration degli Stati Uniti nel 1974, dopo aver esaminato gli studi della G. D. Searle Co, la società che deteneva il brevetto dell'aspartame (acquisita dalla Monsanto nel 1985).Dopo una ricerca effettuata sui ratti, gli psichiatri hanno scoperto che l'aspartame causava la formazione di buchi nel cervello dei roditori. Per questo motivo il FDA riunì una task force per indagare sulle affermazioni fatte dalla G. D. Searle Co. Le indagini rivelarono, spiega Myscienceacademy, "una serie di affermazioni false, risultati di studi falsati e informazioni che non era possibile riscontrare".



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco cosa succede a mangiare un uovo al giorno

Nuovo studio riabilita l'alimento: riduce il rischio cardiovascolare

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Corsi - Prevenzione a tavola

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo