I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Aspartame nelle bibite e malattie renali

C'è una forte correlazione positiva tra la malattia renale cronica e il consumo di bibite gassate contenenti aspartame

Pubblicato il 08/07/2014 da Prevenzione a tavola

Aspartame nelle bibite e malattie renali


E' durato ben undici anni lo studio del Brigham and Women’s Hospital di Boston grazie al quale si è scoperto che c'è una forte correlazione positiva tra la malattia renale cronica e il consumo di bibite gassate contenenti aspartame. La ricerca, che è stata pubblicata sul Clinical Journal of the American Society of Nephrology, ha monitorato per diversi anni 3.318 donne che consumavano bibite gassate dietetiche contenenti aspartame. Gli scienziati hanno tenuto in conto età, pressione sanguigna, abitudine al fumo, condizioni preesistenti come malattie cardiache o diabete e valutazione dei comportamenti alimentari nel 1984, 1986, 1990, 1994 e 1998. Bevendo due o più bibite gassate al giorno, ha rilevato lo studio, il rischio di malattia renale cronica era doppio. Uno studio indipendente pubblicato sul American Journal of Clinical Nutrition ha mostrato che, a differenza delle rassicurazioni dei produttori di aspartame in merito alla sicurezza dei prodotti, i casi di malattie come linfoma non Hodgkin e la leucemia sono ancora molti. Gli autori dello studio del Brigham and Women’s Hospital e della Harvard Medical School hanno ammesso che, mentre in questo particolare caso si dovrebbero considerare altre variabili come l'età del consumatore, hanno mostrato preoccupazioni per i rischi associati al consumo di bibite gassate dietetiche. E' importante notare che le bibite gassate dietetiche hanno un'alta concentrazione di sodio, in quantità maggiori rispetto alle bibite gassate che contengono zucchero o amido di mais. L'aspartame fu approvato dal Food and Drug Administration degli Stati Uniti nel 1974, dopo aver esaminato gli studi della G. D. Searle Co, la società che deteneva il brevetto dell'aspartame (acquisita dalla Monsanto nel 1985). Dopo una ricerca effettuata sui ratti, gli psichiatri hanno scoperto che l'aspartame causava la formazione di buchi nel cervello dei roditori. Per questo motivo il FDA riunì una task force per indagare sulle affermazioni fatte dalla G. D. Searle Co. Le indagini rivelarono, spiega Myscienceacademy, "una serie di affermazioni false, risultati di studi falsati e informazioni che non era possibile riscontrare".



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

Corsi - Prevenzione a tavola

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo