I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

5 pesci da non mangiare

Le contaminazioni da mercurio nel pesce sono un problema significativo per la salute pubblica

Pubblicato il 07/07/2014 da Prevenzione a tavola

5 pesci da non mangiare


Con l'aumentare dell'inquinamento e dei livelli di radioattività nei nostri oceani il pesce sta diventando pericoloso per la nostra salute quanto lo è la carne prodotta negli allevamenti intensivi. Ci sono pesci che arrivano da mezzo mondo ma a cui vengono attaccate etichette che fanno pensare sia stato pescato la mattina presto. E poi ci sono che vengono allevati in acque sporche, sovraffollate e cariche di sostanze chimiche utilizzate per tenerli in vita. Due anni fa gli scienziati hanno riscontrato, per la prima volta, la presenza di tonni pinne blu contaminati in seguito al disastro di Fukushima nelle acque della California. La concentrazione di cesio-137 nei tonni è risultata essere dieci volte sopra la media. Radionuclidi pericolosi come lo iodine-131 e il cesio-137 e altri isotopi che si stanno riversando nell'aria e nei mari attorno a Fukushima si bioaccumulano nell'organismo in ogni passaggio della catena alimentare: per esempio passano dalle alghe ai crostacei, da questi ad un piccolo pesce, poi ad uno grande, per poi finire nel nostro stomaco. Le contaminazioni da mercurio nel pesce sono un problema significativo per la salute pubblica. Infatti bambini e donne incinta dovrebbero evitare il consumo di pesce spada e tonno, a causa dell'alta concentrazione di mercurio. L'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) raccomanda che le donne in età feconda dovrebbero selezionare il pesce che mangiano ed evitare di consumare tonni e pesci spada. Il sito Truththeory.com, che ha riportato la notizia, ha elencato i 6 pesci da non mangiare: 1) Pesce spada: con .976 ppm (parti per milione), ha la più alta concentrazione di mercurio. Ma questo problema si può evitare se si compra pesce spada che proviene da mari in cui non sono presenti determinati batteri. Il problema è che questi mari sono sempre meno a causa dell'aumento della temperatura delle acque. 2) Tonno: in quanto a concentrazione di mercurio è secondo, dopo il pesce spada, con .639 ppm. Secondo il New York Times il tonno pinne blu è il più rischioso di tutti. 3) Salmone: nonostante abbia una bassa concentrazione di mercurio, molti scienziati si son chiesti se non si debba vietare del tutto il consumo di salmone proveniente dal Pacifico, a causa degli alti livelli di isotopi radioattivi. E negli allevamenti di salmoni vengono utilizzati pesticidi e antibiotici per eliminare i parassiti e bloccare la diffusione di malattie. 4) Pesce piatto (Sogliola e platessa): c'è un altissimo rischio di contaminazione e la pesca di questi esemplari non è sostenibile nel lungo termine secondo il Food and Water Watch. 5) Sgombro: nonostante possa portare benefici alla salute per il magnesio in esso contenuto, ha un'alta concentrazione di mercurio, 0.454 ppm



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

Corsi - Prevenzione a tavola

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo