I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Riciclo lattine in Svezia e Italia

Il confronto con il nostro Paese

Pubblicato il 03/07/2014 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Riciclo lattine in Svezia


Farsi pagare per riciclare le lattine? E' tutto vero, e per constatarlo è sufficiente andare a fare la spesa in un supermercato dei Paesi nordici: Svezia, Norvegia, Danimarca e Finlandia. In questo video del 2008 potete vedere Davide Valeriani, attivista degli Amici di Beppe Grillo di Reggio Emilia che illustra come funzionano le macchinette situate fuori da un supermercato di Malmö in Svezia. "Sono presenti in vari punti della città questi apparecchi in cui uno inserisce delle lattine, le bottiglie di plastica e gli vengono forniti dei buoni spesa di 50 centesimi di corona o 1 corona per riciclare il vuoto a rendere.," ha spiegato Valeriani. Il sistema svedese ha prodotto ottimi risultati. Scriveva etribuna.com in merito nel 2012: "Gli Svedesi non hanno mai riciclato così tanto come nel 2011. Le statistiche mostrano che ogni svedese ha riciclato in media 154 contenitori, tra lattine e bottiglie di plastica, rispetto ai 146 dell’anno precedente. La società Returpack, responsabile del sistema di riciclo di lattine e bottiglie di plastica in tutto il Paese, afferma che l’88% dei contenitori per bevande in alluminio e plastica viene riciclato dopo l’utilizzo. Gli incentivi adottati per favorire la raccolta differenziata hanno dato ottimi risultati: nel 2010 è stato aumentato il compenso per ogni bottiglia o lattina vuota riciclata da 50 centesimi (öre) a 1 Corona; nel 2011 è stata lanciata la campagna “Riciclare è un successo” e sono state proposte diverse attività rivolte ai giovani, la fascia di popolazione meno propensa a riciclare; infine l’autunno scorso è stato aperto un centro di raccolta a Stoccolma per privati e aziende con grandi volumi di vuoti da riciclare. Returpack, inoltre, è sempre in stretto contatto con i comuni, le scuole e le associazioni per motivare i cittadini al riciclo e quest’anno lavorerà in particolare con le strutture turistiche e i festival." Record, quello del 2012, che è stato superato lo scorso anno, come riportato dal sito della Camera di Commercio italo-svedese: "La quantità di rifiuti riciclati in Svezia è in costante aumento. Secondo le ultime statistiche di Returpack l’anno scorso si è recuperata una media pro capite di 163 lattine e bottiglie di PET." Questo porta ad un risparmio energetico notevole: "Complessivamente gli svedesi hanno riciclato 1.680 milioni di imballaggi, apportando un risparmio energetico di 326 milioni di kWh, sufficienti a riscaldare 25.000 abitazioni per un anno intero." Rispetto al 2012, spiega Assosvezia.it, "sono stati riciclati quasi 100 milioni di imballaggi in più e, nell’arco di un anno, il ciclo di smaltimento è aumentato in ben 273 comuni sui 290 totali. Gli svedesi sono molto precisi sulla raccolta differenziata dei rifiuti domestici e nonostante il consumo sia aumentato, il riciclo procede sorprendentemente di pari passo." E in Italia? La situazione è un po' diversa. Il nostro Paese nel 2010 è stato terzo al mondo, dopo Usa e Giappone nella raccolta di imballaggi di alluminio, per un totale di 46.500 tonnellate. Si potrebbe fare però un passo in avanti se si incentivassero i cittadini come fanno i governi di Paesi come la Svezia, che si è posta l'obbiettivo "di arrivare a recuperare il 90% di lattine e PET". Ma qualche iniziativa di questo tipo è già stata presa in Italia. Leggiamo su Marraiafura.com che in Piemonte sono attive le postazioni automatiche per la raccolta differenziata basate sul sistema dei vuoti a rendere: "portando i contenitori per bevande, l’EcoBank® rilascia un bonus da spendere nei negozi e supermercati convenzionati, attualmente di circa 2 cent a bottiglia/lattina."



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Corsi - Prevenzione a tavola

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali