I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Incidente Golfo del Messico: La marea nera dopo 4 anni

Il rapporto della National Wildlife Federation

Pubblicato il 01/07/2014 da Prevenzione a tavola

Incidente Golfo del Messico: La marea nera dopo 4 anni


Un rapporto della National Wildlife Federation afferma che a quattro anni dall'incidente nel Golfo del Messico che ha visto l'esplosione della Deepwater Horizon e la conseguente fuoriuscita di petrolio, molte specie che vivono nella zona risultano ancora colpite: "In particolare, tursiopi e tartarughe marine stanno morendo a un ritmo senza precedenti, e vi sarebbero prove sempre più schiaccianti che il loro declino è legato allo sversamento, afferma Doug Inkley, ricercatore della NWF." La piattaforma petrolifera Deepwater Horizon, racconta National Geographic, "esplose il 20 aprile 2010, uccidendo 11 persone e riversando oltre 750 milioni di litri di petrolio nel golfo. Da allora, varie organizzazioni governative e non, tra cui la National Wildlife Federation, hanno monitorato la regione per studiare l'impatto della fuoriuscita." Nel rapporto si legge che la fuoriuscita di petrolio non sarebbe affatto terminata: "E' tutt'altro che finita. Il petrolio è ancora li, sul fondo del Golfo, nelle paludi, portato a riva dalle onde. Non c'è da sorprendersi: nel Prince William Sound, 25 anni dopo il disastro della Exxon Valdez, vi sono ancora specie che non si sono riprese". Il rapporto, che consiste in una serie di articoli scientifici pubblicati al 2010, esamina 14 differenti specie animali, tra cui: 1) Delfini: "oltre 900 tursiopi sono stati trovati morti o spiaggiati nell'area del disastro dall'aprile 2010. Messi in fila per la lunghezza, fanno 2,4 chilometri di delfini morti, dice Inkley. I ricercatori sanno che sono di più degli anni precedenti allo sversamento perché le morti e gli spiaggiamenti sono stati documentati per un decennio. Inoltre, le ricerche in corso mostrano che i delfini che nuotano in aree dove c'è petrolio sono sottopeso, anemici e mostrano sintomi di malattie epatiche e polmonari. Secondo Inkley, se un predatore al vertice della catena alimentare si ammala, è segno che anche le altre specie della catena sono in difficoltà." 2) Tartarughe marine: "nel Golfo vivono cinque specie di tartarughe marine, e tutte sono classificate come minacciate o in pericolo di estinzione dall'Endangered Species Act. Nell'area della fuoriuscita sono state trovate circa 500 tartarughe marine morte l'anno a partire dal 2011 - "un incremento drammatico rispetto al tasso normale", secondo la NWF. Resta ignoto inoltre il numero di tartarughe morte in mare e che non sono state recuperate dai ricercatori." 3) Tonni: "Un componente chimico del petrolio fuoriuscito è risultato responsabile di alterazioni del battito cardiaco degli embrioni di tonno rosso e tonno pinna gialla. Essendo uno stato critico di sviluppo del pesce, c'è un'elevata preoccupazione che ciò possa avere come conseguenza attacchi cardiaci e morti nelle due specie, spiega Inkley." In generale, ha spiegato la NWF, "resta ancora molto da fare per comprendere pienamente l'impatto del disastro".



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La zucca è ottima per la nostra salute: due ricette da leccarsi i baffi

La zucca, la regina dell'autunno, è ricca di proprietà benefiche per il nostro organismo

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

L’olio extravergine d’oliva protegge da infarti e ictus

Il merito è di una proteina salva-cuore

Nel tuorlo d’uovo in segreto per non perdere i capelli

Secondo uno studio giapponese si nasconde un possibile composto contro l'alopecia

La dieta mediterranea allunga la vita degli anziani

Perché riduce del 25% il rischio di morte per qualsiasi causa negli over-65

Corsi - Prevenzione a tavola

Le fragole contrastano le malattie infiammatorie croniche intestinali

Secondo studio possono essere utili contro morbo di Chron e colite ulcerosa

Ecco perché le cicerchie fanno bene

Proprietà e benefici delle cicerchie

Cicerchie: tra falsi miti e realtà

In passato ingiustamente demonizzate, oggi le cicerchie sono oggetto di riscoperta

Corsi - Prevenzione a tavola

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'