I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Consumo zucchero: le nuove raccomandazioni dell’OMS

Il consumo di zucchero dovrebbe essere inferiore al 5% dell'apporto calorico giornaliero

Pubblicato il 23/06/2014 da Prevenzione a tavola

Consumo zucchero: le nuove raccomandazioni dell'OMS


L'Organizzazione mondiale della sanità ha iniziato ad affrontare i problemi causati dal consumo di zucchero. In una richiesta di udienza pubblica del 31 marzo l'OMS ha domandato "linee guida che forniscano ai Paesi consigli per limitare consumo di zuccheri in modo da ridurre problemi di salute pubblica come l'obesità e la carie dentaria." Si sa da decenni che lo zucchero nuoce alla salute. Alcuni esperti hanno affermato che lo zucchero dà più dipendenza della cocaina. Lo zucchero è contenuto in quasi tutti i cibi confezionati e a volte si nasconde in posti meno scontati, come il sugo e lo yogurt, o in cibi etichettati come contenenti 'pochi grassi' o 'tutto naturale'. Infatti nei cibi che contengono pochi grassi si trovano in media il 20% in più di zuccheri rispetto agli altri. Le industrie alimentari spesso "nascondono" lo zucchero nelle etichette chiamandolo glucosio, fruttosio, maltosio, etc: una maniera subdola per non farci pensare che il cibo che mangiamo è pieno zeppo di zuccheri che rovinano il cervello e causano l'obesità. Inoltre, buona parte dello sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio e delle barbabietole da zucchero usate per addolcire il nostro cibo sono OGM. Pertanto, mentre diventi dipendente dallo zucchero diventi anche dipendente al veleno che può alterare il tuo DNA.

Cosa succede al cervello quando mangiamo troppi zuccheri?


Dopo che un segnale viene inviato alla corteccia cerebrale e filtra nelle altre parti del cervello per "ricompensare" la nostra scelta di aver mangiato zucchero, lo facciamo di nuovo. Dopo pochissimo tempo e una serie di azioni ripetitive come questa, il nostro cervello perde il controllo e aumenta il nostro bisogno di assumere quantità sempre più abbondanti di ciò che ci ha dato lo stesso piacere di un gelato o di un pezzo di torta. E presto succede che il nostro corpo non è in grado di dire basta, come fossimo dipendenti dalla droga, e finiamo a voler consumare zucchero in ogni momento. E' per questo motivo che l'OMS ha dato nuove raccomandazioni in merito al consumo di zucchero, che dovrebbe essere inferiore al 5% dell'apporto calorico giornaliero. (Da Natural Society)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Corsi - Prevenzione a tavola

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali