I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Olio di Canola, benefici: riduce rischio malattia cardiaca

In particolare nei pazienti con diabete di tipo 2

Pubblicato il 20/06/2014 da Prevenzione a tavola

Olio di Canola, benefici: riduce rischio di malattia cardiaca


Un particolare tipo di olio di colza, l'olio di canola, aiuta a ridurre il rischio di contrarre malattie cardiache, soprattutto nei pazienti che soffrono di diabete di tipo 2. Lo riporta La Stampa:"L’olio di Canola – così chiamato come derivazione di una contrazione del termine “CANadian Oil Low Acid” – sarebbe anche il più noto olio di Colza. Questo tipo di olio non è in genere tenuto in grande considerazione, per via della maggiore diffusione di oli più blasonati come quello di oliva o semi come quelli di mais, girasole, sesamo eccetera. Tuttavia, proprio l’olio di canola pare sia utile per ridurre il rischio di sviluppare le malattie cardiache, specie nelle persone con diabete di tipo 2."A suggerirlo, spiega il quotidiano, "è uno studio pubblicato sulla rivista Diabetes Care e condotto dal dottor David Jenkins, responsabile del Clinical Nutrition and Risk Factor Modification Centre presso il St. Michael’s Hospital di Toronto (Canada). Secondo Jenkins e colleghi, le persone con diabete di tipo 2 che seguono una dieta arricchita dall’olio di canola, beneficiano di una significativa riduzione del rischio cardiovascolare. Questo è emerso dopo che, nello studio, si sono confrontati gli effetti di una dieta a basso Indice Glicemico supportata dall’assunzione di pane con olio di colza, con quelli di una dieta con pane integrale – conosciuta per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari."Inoltre "i risultati hanno evidenziato come coloro che avevano seguito la dieta integrata con il pane condito con olio di canola avessero sperimentato sia una riduzione dei livelli di glucosio nel sangue che una riduzione significativa del colesterolo LDL o “cattivo” – un noto fattore di rischio cardiovascolare. Ancora più eclatante, secondo i ricercatori, è stato constatare che la dieta pane/olio di canola sembrava avere l’impatto più significativo sulle persone che avevano maggiormente bisogno di aiuto, ossia coloro il cui test di HbA1c per la misurazione della glicemia negli ultimi due o tre mesi era stato più elevato."Grazie alla riduzione del colesterolo "cattivo" si potrebbe ridurre il rischio di eventi cardiovascolari e "un ulteriore vantaggio potrebbe anche essere tradotto in una riduzione dell’assunzione di farmaci ipocolesterolemizzanti, noti come statine, fino a una dose da 20 mg – che è circa il doppio di una dose standard."Infine, spiega La Stampa, "la povertà di grassi saturi contenuta nell’olio di canola (il 7%) lo farebbe dunque prediligere in una dieta per la riduzione del colesterolo, che è utile non solo per i diabetici ma per tutti coloro che sono a rischio sovrappeso e malattie cardiache e vascolari."



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Corsi - Prevenzione a tavola

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero