I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Carne rossa e cancro al colon: Come evitarlo

Lo studio pubblicato dal World Cancer Research Fund

Pubblicato il 20/06/2014 da Prevenzione a tavola

Carne rossa e cancro al colon: Come evitarlo


Si potrebbe ridurre il rischio di sviluppare il cancro al colon-retto se si mangiasse meno carne e se si bevesse meno alcol, oltre a mantenere il peso forma e fare esercizio. E' quanto emerge da una ricerca del World Cancer Research Fund: "Lo studio, pubblicato dal World Cancer Research Fund, ha esaminato la relazione tra il rischio di ammalarsi di cancro al colon-retto e la triade dieta, attività fisica e peso corporeo. I risultati sono che il 45% dei casi di cancro al colon-retto, potrebbe essere evitata se i pazienti avessero consumato più fibre vegetali, meno carne e alcol, fossero fisicamente più attivi e avessero mantenuto un peso forma accettabile." Secondo quanto riporta lo studio, "nei soli Stati Uniti questo avrebbe significato 64.000 casi in meno nell’ultimo anno. I nuovi dati, derivanti da 10 nuovi studi, si sommano e integrano ai 14 studi già pubblicati nel 2007. Da questi 24 studi, si evince che sia la carne rossa, che le carni lavorate, aumentano considerveolmente il rischio di cancro al colon." Inoltre, "il WCRF/AICR raccomanda che il consumo di carne rossa sia limitato al massimo a 500 g a settimana, l’equivalente di 5 o 6 porzioni medie di carne di vitello, pecora o maiale. Si raccomanda inoltre di evitare totalmente le carni lavorate." Infatti "consumare 140 gr al giorno di carne rossa, porta a un aumento del rischio del 17% rispetto a non consumarne. Raddoppiando la quantità a 280 gr giornalieri, il rischio aumenta al 34%. E’ invece confermato un rischio molto ridotto per chi consuma meno di 70 gr giornalieri. Il rischio però sale esponenzialmente se invece della carne rossa consideriamo le carni lavorate, tra le quali citiamo gli insaccati, i prosciutti, la pancetta." IL CONSUMO DI CARNI LAVORATE: "Consumare 140 gr al giorno di carni lavorate, porta a un incremento del rischio del 36% rispetto al consumare carne non lavorata. E come per la carne rossa, il rischio cresce parallelamente all’incremento del consumo." Alan Jackson, Presidente del World Cancer Research Fund ha detto: "Ciò che abbiamo appurato, è una forte indicazione che moltissimi casi di cancro all’intestino non sono inevitabili, e che le persone sono in grado di ridurre significativamente il rischio, modificando la dieta e lo stile di vita". E ancora: "Proprio perché il nostro giudizio finale è basato su più dati rispetto a quanto fatto prima, possiamo rassicurare il pubblico che la via indicata è sicuramente la migliore per la prevenzione del tumore all’intestino". COME EVITARE IL RISCHIO DI CANCRO: "la carne rossa, soprattutto le carni lavorate, aumentano il rischio di cancro al colon e la primissima cosa da fare è di ridurre la quantità di questo tipo di carne nell’alimentazione. E’ comunque scontato, che non basta pubblicare ricerche come questa per ottenere degli effetti su grande scala. Chi dovrebbe essere educato in tal senso, nel consigliare una dieta a basso contenuto proteico, dovrebbero essere innanzitutto i medici di base, i quali dovrebbero enfatizzare questo aspetto, quotidianemente, nei colloqui con i loro pazienti." Inoltre "i medici, dovrebbero far leva anche su altre correlazioni legate alla diminuzione del consumo di carne. E’ accertato, che se si riduce il rischio di ammalarsi di una patologia, si riducono contemporaneamente anche i livelli di rischio per altre patologie croniche, quali per esempio il diabete. E’ risaputo che i medici di base non hanno molto tempo da dedicare ai pazienti, ma in tal caso si possono far entrare in campo altre figure professionali, quali i dietisti, o i naturopati, che possono, in collaborazione con il medico, consigliare i pazienti nell’ambito delle loro competenze." LA DIETA DA SEGUIRE: "una dieta basata sui vegetali, che includa cibi ricchi di fibre, quali semi integrali, frutta, verdura, e legumi. Nonostante il largo pubblico sia spesso disorientato da notizie che si susseguono giornalmente, riguardanti questo o quell’alimento a cui si conferiscono proprietà di prevenire o favorire l’insorgenza dei tumori, possiamo senza ombra di dubbio affermare che questo studio, conferma e avvalora ulteriormente l’evidenza."



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

Corsi - Prevenzione a tavola

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo