I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Primo intervento al cuore senza aprire il torace

La nuova tecnica mininvasiva eseguita all'ospedale Molinette di Torino

Pubblicato il 19/06/2014 da Prevenzione a tavola

Intervento al cuore, all’ospedale Molinette della Città della salute e della scienza di Torino è stata eseguita un’innovativa procedura di cardiochirurgia mininvasiva senza circolazione extracorporea per il rimodellamento del ventricolo sinistro. Una sorta di ‘lifting’. L’intervento, primo del genere in Italia - sottolinea l’azienda ospedaliera in una nota - è stato effettuato su un paziente torinese di 54 anni da Mauro Rinaldi, direttore di Cardiochirurgia, coadiuvato da Maurizio D’Amico, cardiologo della Divisione di cardiologia ospedaliera. Il paziente, colpito da un infarto esteso nel settembre 2013, era affetto da cardiomiopatia ischemico-dilatativa e da un aneurisma anteriore e stava per essere inserito nella lista d’attesa per il trapianto di cuore. L’intervento è tecnicamente riuscito e il paziente è stato dimesso dopo 4 giorni. Il nuovo intervento di ventricoloplastica - precisa l’ospedale torinese - consente, in caso di gravi aneurismi ventricolari post-infartuali, la riduzione della superficie cardiaca malata e non più contrattile attraverso l’applicazione di mini-ancore. In questo modo si rimodella anatomicamente il ventricolo, riducendone il volume del 25-35% e restituendo una più naturale contrattilità al cuore. In pratica viene fatta una ‘pence sartoriale’ al cuore. L’operazione avviene senza la necessità di arrestare e incidere il muscolo cardiaco, rendendo percorribile quest’opzione chirurgica anche in pazienti dal quadro clinico particolarmente fragile. La grande innovazione è data però soprattutto dalla possibilità di intervenire in modo estremamente poco invasivo e senza aprire il torace del paziente: le mini-ancore possono infatti essere efficacemente applicate attraverso un catetere che passa attraverso la vena giugulare e una piccola incisione sottomammaria sinistra. Rispetto alle prassi usuali - continua la nota dalle Molinette - sono numerosi i vantaggi del nuovo sistema per la salute del paziente, uniti a un notevole risparmio. In malati affetti da scompenso cardiaco secondario a una miocardiopatia dilatativa post-infartuale, quando la terapia medica non risulta più efficace, le attuali opzioni sono (quando possibile) il trapianto cardiaco o sistemi di assistenza meccanica al circolo (i cosiddetti ‘cuori artificiali’). In casi selezionati, il sistema Revivent si pone come una valida alternativa. Inoltre l’intervento stesso ha una durata estremamente ridotta rispetto a una procedura standard di rimodellamento del ventricolo, riducendo sensibilmente, con questo speciale ‘lifting’ mininvasivo, i tempi di ricovero e le complicazioni post-intervento. (AdnKronos - Salute)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

Corsi - Prevenzione a tavola

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo