I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Mangiare aglio fa bene: Previene cancro ai polmoni

Lo afferma un nuovo studio condotto dallo Jiangsu Provincial Centre for Disease Control and Prevention

Pubblicato il 17/06/2014 da Prevenzione a tavola

Mangiare aglio fa bene: Previene cancro ai polmoni


Mangiare aglio fa bene perché aiuta a prevenire il rischio di contrarre il tumore ai polmoni. Lo riporta Cado in Piedi:"Certo, il partner potrebbe non essere d'accordo, ma mangiare aglio vi conviene. Alle tante virtù benefiche, infatti, se ne aggiunge una nuova: mangiarlo crudo almeno due volte a settimana dimezza il rischio di sviluppare un cancro al polmone. Lo afferma un nuovo studio condotto dallo Jiangsu Provincial Centre for Disease Control and Prevention, e pubblicata online su Cancer Prevention Research."Ed ecco come è stata svolta la ricerca:"I ricercatori che hanno condotto lo studio hanno analizzato le abitudini alimentari di più di 1.400 pazienti già ammalati di cancro al polmone e le hanno messe a confronto con quelle di 4.500 adulti in buona salute, rilevando che chi mangiava aglio crudo regolarmente presentava un rischio più basso di sviluppare la malattia, anche in caso di comportamenti normalmente ritenuti a rischio come il fumo di sigaretta."L'elemento magico si ottiene aprendo l'aglio:"L'effetto benefico, sostiene la ricerca, è dato dall'allicina, una sostanza che si ottiene quando lo spicchio d'aglio viene schiacciato o tagliato, e agisce come un antiossidante riducendo i danni dei radicali liberi."Megliosapere.info consiglia di consumare l'aglio crudo, in quanto l' allicinanon è presente nel bulbo integro, ma si forma quando gli spicchi d’aglio vengono tagliati, triturati o masticati. Questa sostanza si degrada in modo molto rapido durante la cottura, motivo per il quale, per sfruttare appieno tutte le potenzialità curative dell’aglio, è necessario consumarlo crudo."



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco cosa succede a mangiare un uovo al giorno

Nuovo studio riabilita l'alimento: riduce il rischio cardiovascolare

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Corsi - Prevenzione a tavola

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo