I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Fukushima, pesce radioattivo: triplicano radiazioni nel tonno

Gli isotopi radioattivi nei pesci sono triplicati

Pubblicato il 17/06/2014 da Prevenzione a tavola

Fukushima, pesce radioattivo: triplicano radiazioni nel tonno


Avete ragione ad essere preoccupati degli effetti delle radiazioni dovuti al disastro nucleare di Fukushima del 2011 (e oltre). La centrale elettrica si è guastata dopo il terremoto e ha inviato onde radioattive all'oceano in quantità di cui non si è ancora del tutto compresa l'entità. Lo riporta Tzetze, riprendendo un articolo di Naturalsociety.com: "Il disastro di Fukushima ha trasportato rifiuti radioattivi in ​​mare. Recentemente, uno studio condotto dai ricercatori della Oregon State University sostiene che la perdita di rifiuti radioattivi nell'oceano ha profondamente intaccato la vita delle specie marine, in particolar modo del tonno alalunga o bianco (albacore)." Inoltre la ricerca, guidata da Delvan Neville del Dipartimento di Ingegneria Nucleare e Radioterapia Fisica Sanitaria dell'Università, ha rivelato "che ci sono notevoli conseguenze causate dall'incidente di Fukushima sul tonno pescato al largo della costa dell'Oregon." Neville ha dichiarato in merito: "Non si può dire che non ci siano rischi, perché le radiazioni portano sempre qualche piccolo rischio" Tuttavia, è importante sottolineare che "la quantità di radioattività nel tonno non rappresenta un rischio per i consumatori". Come è stata svolta la ricerca: "Neville e il suo team di ricercatori hanno esaminato il tonno pescato al largo della costa dell'Oregon tra il 2008 e il 2012. In altre parole, hanno confrontato il tonno pescato prima che si verificasse l'incidente a Fukushima con quello pescato nell'anno successivo. Gli isotopi radioattivi nei pesci sono triplicati, anche se questo non rappresenta un rischio imminente per la salute dei consumatori." Non tutti comunque sono d'accordo, scrive Naturalsociety: "i ricercatori del National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) e del GEOMAR Research Center for Marine Geosciences dicono che il peggio deve ancora venire e l'acqua che contiene le più alte percentuali di radioattività non ha ancora raggiunto le nostre coste." E ancora: "Alcuni stimano che l'acqua potrebbe essere 10 volte più forte quando raggiunge le coste americane rispetto a quando ha lasciato il Giappone. Altri dicono che si sta diffondendo. Una cosa certa è che la contaminazione radioattiva si sta ancora spostando attraverso le correnti oceaniche, il cui effetto a lungo termine deve ancora essere valutato."



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Corsi - Prevenzione a tavola

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali