I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Effetto veleno serpente sul sangue: il video

Un video che mostra la potenza distruttiva del veleno di un serpente

Pubblicato il 17/06/2014 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Effetto veleno serpente sul sangue: il video


Un video che mostra la potenza distruttiva del veleno di un serpente. Guardandolo si può vedere un uomo che preleva un campione di veleno dalla bocca dell'enorme rettile. Quando il veleno, che è chiamato emotossina, viene mescolato con un campione di sangue umano succede che in pochi istanti il sangue si raggruma, e sembra quasi gelatina. Si possono pertanto dedurre gli effetti che il morso di un serpente avrebbe sull'uomo. La vipera di Russell, il serpente più velenoso al mondo: leggiamo su Focus che questo serpente detiene il primato di provocare migliaia di morti ogni anno: "Più pericolosa del grande squalo bianco, più velenosa del mamba nero e con un record di omicidi degno del più spietato serial killer: è la vipera di Russell (Daboia russelii), un serpente diffuso in India e in tutto il sudest asiatico che ogni anno con il suo morso miete migliaia di vittime (alcune fonti dicono 10.000 vittime)." E se per caso si dovesse riuscire nell'impresa di non morire dopo essere stati morsi dalla temibile vipera, si rischierebbero "danni seri e permanenti", infatti spiega il magazine: "Secondo uno studio pubblicato su Lancet, il 29% di coloro che non soccombono al morso della vipera di Russell sviluppa l'ipopituitarismo, una disfunzione causata dall'improvvisa riduzione nella secrezione di ormoni prodotti dall'ipofisi. Le conseguenze sono perdita di barba e peli pubici per gli uomini, delle curve su seno e fianchi per le donne e, per entrambi, la sterilità. Nei casi più gravi il morso di questo rettile può portare fino alla perdita di alcune funzioni cerebrali e alla pazzia." Gli effetti del morso della vipera di Russell: "Gli effetti, immediati, sono dolore, riduzione improvvisa della frequenza cardiaca e crollo della pressione. Il veleno, in pochi istanti, arriva al cervello, dove agisce sull'ipofisi provocando copiose emorragie. Eppure questo serpente ha un carattere sostanzialmente mite. Ciò che lo rende pericoloso è proprio la sua pigrizia. A differenza di altri rettili non avvisa della propria presenza e si limita ad attaccare quando si sente minacciata." Che cos'è l'Emotossina: da Wikipedia: "L'emotossina è una tossina che distrugge i globuli rossi. Le emotossine sono il componente principale del veleno di molti serpenti, tra i quali la vipera, e di alcuni insetti, p.es. il bruco assassino (Lomonia). Rispetto alle neurotossine, che agiscono sul sistema nervoso, e che costituiscono il componente principale del veleno di altri serpenti (come il cobra) e degli scorpioni, le emotossine hanno un'azione generalmente più lenta. Esistono emotossine totalmente inorganiche, p.es. il monossido di carbonio."



banner basso postfucina







  • Segui TV:


NOTIZIE + RECENTI

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Corsi - Prevenzione a tavola

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Corsi - Prevenzione a tavola

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?