I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Conseguenze Chernobyl: gli uccelli si adattano all’ambiente

Gli animali si adattano alle radiazioni

Pubblicato il 17/06/2014 da Prevenzione a tavola

Conseguenze Chernobyl: gli uccelli si adattano all'ambiente


Uno studio pubblicato da un gruppo di scienziati guidato da Timothy Mousseau ha rivelato che gli animali che vivono a Chernobyl e nelle zone circostanti si adattano all’ambiente radioattivo. Lo riporta Il Corriere della Sera: "Gli animali di Chernobyl si adattano all’ambiente radioattivo, in una sorta di «selezione non naturale» che ha portato a cambiamenti evolutivi in alcune specie d’uccelli". Leggiamo sul quotidiano che "lo scienziato Timothy Mousseau frequenta l’area interdetta di Chernobyl dal 1999, un’area dove in dieci giorni si assorbe dall’ambiente una quantità di radiazioni pari a quella che si riceve in un anno intero negli Stati Uniti da tutte le fonti radioattive messe insieme. Un’area off-limits, dunque, perfetta però per studiare le conseguenze a lungo termine delle radiazioni. La natura, nelle piane puntellate di pini e acacie che si estendono per chilometri dal sito dell’impianto – e dove centinaia di villaggi sono stati abbandonati – si riprende a ritmi molto più lenti di quanto ci si sarebbe aspettato. Mousseau ha pubblicato oltre 50 studi sulle modificazioni avvenute nelle creature che tuttora abitano quegli ambienti, e in particolare la maggior frequenza di tumori e anomalie fisiche, come i becchi deformati degli uccelli. Per non parlare del declino di intere popolazioni d’uccelli, d’insetti e di ragni, alcune delle quali si sono localmente estinte." L'ultimo studio pubblicato su Functional Ecology dimostra però che "alcune specie d’animali si sono adattate all’ambiente radioattivo, e le loro popolazioni stanno ora prosperando." Uno dei ricercatori dell’Università della Carolina del Sud, Andrea Bonisoli Alquati, ha detto in merito: "Alcune specie di uccelli hanno esibito una risposta adattativa all’esposizione alle radiazioni ionizzanti, e in aree contaminate ora mostrano livelli di stress ossidativo e di danno genetico inferiori rispetto a conspecifici che vivono in aree meno contaminate." E ha poi aggiunto: "Ciò è sorprendente, in quanto si tratta della prima dimostrazione di una simile risposta a condizioni di contaminazione radioattiva in una qualunque specie di vertebrati" L’esposizione cronica alle radiazioni ionizzanti - spiega Il Corriere - deteriora gli antiossidanti, il che provoca maggior danno all’organismo. E ancora: "I ricercatori hanno analizzato i livelli di glutatione (Gsh), uno dei più importanti antiossidanti, in sedici specie d’uccelli esposti alle radiazioni di Chernobyl. Risultati: in alcune di esse i livelli di Gsh sono aumentati, la forma fisica dei volatili di conseguenza migliorata, mentre lo stress ossidativo – la condizione patologica causata dalla rottura dell’equilibrio fisiologico – e i danni al Dna diminuivano. Da cosa può dipendere la differenza nell’evoluzione adattativa tra una specie d’uccelli e l’altra? Con effetti solo deleteri su alcune, e mutamenti benefici da parte di altre? «Secondo la nostra analisi, le caratteristiche fisiologiche, morfologiche e comportamentali delle diverse specie possono predirne la risposta all’esposizione alle radiazioni», spiega Bonisoli Alquati". Mousseau si è anche recato a Fukushima, dove si stanno svolgendo studi comparativi: "I nostri studi precedenti hanno mostrato una vasta gamma di effetti negativi conseguenti all’esposizione alle radiazioni per la maggior parte delle specie".



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

Corsi - Prevenzione a tavola

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo