I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Conseguenze Chernobyl: gli uccelli si adattano all’ambiente

Gli animali si adattano alle radiazioni

Pubblicato il 17/06/2014 da Prevenzione a tavola

Conseguenze Chernobyl: gli uccelli si adattano all'ambiente


Uno studio pubblicato da un gruppo di scienziati guidato da Timothy Mousseau ha rivelato che gli animali che vivono a Chernobyl e nelle zone circostanti si adattano all’ambiente radioattivo. Lo riporta Il Corriere della Sera: "Gli animali di Chernobyl si adattano all’ambiente radioattivo, in una sorta di «selezione non naturale» che ha portato a cambiamenti evolutivi in alcune specie d’uccelli". Leggiamo sul quotidiano che "lo scienziato Timothy Mousseau frequenta l’area interdetta di Chernobyl dal 1999, un’area dove in dieci giorni si assorbe dall’ambiente una quantità di radiazioni pari a quella che si riceve in un anno intero negli Stati Uniti da tutte le fonti radioattive messe insieme. Un’area off-limits, dunque, perfetta però per studiare le conseguenze a lungo termine delle radiazioni. La natura, nelle piane puntellate di pini e acacie che si estendono per chilometri dal sito dell’impianto – e dove centinaia di villaggi sono stati abbandonati – si riprende a ritmi molto più lenti di quanto ci si sarebbe aspettato. Mousseau ha pubblicato oltre 50 studi sulle modificazioni avvenute nelle creature che tuttora abitano quegli ambienti, e in particolare la maggior frequenza di tumori e anomalie fisiche, come i becchi deformati degli uccelli. Per non parlare del declino di intere popolazioni d’uccelli, d’insetti e di ragni, alcune delle quali si sono localmente estinte." L'ultimo studio pubblicato su Functional Ecology dimostra però che "alcune specie d’animali si sono adattate all’ambiente radioattivo, e le loro popolazioni stanno ora prosperando." Uno dei ricercatori dell’Università della Carolina del Sud, Andrea Bonisoli Alquati, ha detto in merito: "Alcune specie di uccelli hanno esibito una risposta adattativa all’esposizione alle radiazioni ionizzanti, e in aree contaminate ora mostrano livelli di stress ossidativo e di danno genetico inferiori rispetto a conspecifici che vivono in aree meno contaminate." E ha poi aggiunto: "Ciò è sorprendente, in quanto si tratta della prima dimostrazione di una simile risposta a condizioni di contaminazione radioattiva in una qualunque specie di vertebrati" L’esposizione cronica alle radiazioni ionizzanti - spiega Il Corriere - deteriora gli antiossidanti, il che provoca maggior danno all’organismo. E ancora: "I ricercatori hanno analizzato i livelli di glutatione (Gsh), uno dei più importanti antiossidanti, in sedici specie d’uccelli esposti alle radiazioni di Chernobyl. Risultati: in alcune di esse i livelli di Gsh sono aumentati, la forma fisica dei volatili di conseguenza migliorata, mentre lo stress ossidativo – la condizione patologica causata dalla rottura dell’equilibrio fisiologico – e i danni al Dna diminuivano. Da cosa può dipendere la differenza nell’evoluzione adattativa tra una specie d’uccelli e l’altra? Con effetti solo deleteri su alcune, e mutamenti benefici da parte di altre? «Secondo la nostra analisi, le caratteristiche fisiologiche, morfologiche e comportamentali delle diverse specie possono predirne la risposta all’esposizione alle radiazioni», spiega Bonisoli Alquati". Mousseau si è anche recato a Fukushima, dove si stanno svolgendo studi comparativi: "I nostri studi precedenti hanno mostrato una vasta gamma di effetti negativi conseguenti all’esposizione alle radiazioni per la maggior parte delle specie".



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Corsi - Prevenzione a tavola

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali