I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Riscaldamento globale: ‘Solo 17 anni per cambiare rotta’

Nuovo rapporto del Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico

Pubblicato il 14/06/2014 da Prevenzione a tavola

Riscaldamento globale: 'Solo 17 anni per cambiare rotta'

Sono dati drammatici quelli diffusi dall'Ipcc, il Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico: abbiamo soltanto 17 anni per invertire la tendenza. Infatti "Ogni anno un miliardo di tonnellate di gas serra in più nell'atmosfera", mentre l'obbiettivo dovrebbe essere quello di tagliare le emissioni di almeno il 40% entro il 2050. Lo riporta Repubblica.it: "La direzione è quella sbagliata e ci sono solo 17 anni di tempo per cambiare rotta. Nonostante gli sforzi e gli impegni dei governi, le emissioni di gas serra continuano ad aumentare e ogni anno toccano nuovi massimi. L'allarme emerge dal nuovo rapporto sul clima presentato stamani a Berlino dal Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (Ipcc). Secondo gli scienziati tra il 2000 e il 2010 le emissioni sono aumentate più rapidamente dei tre decenni precedenti: ogni anno abbiamo immesso nell'atmosfera un miliardo di tonnellate di gas serra in più rispetto all'anno precedente." Non solo bisogna tagliare, ma secondo gli esperti è necessario ridurre le emissioni di una percentuale minima del 40%: "Per contenere l'aumento della temperatura globale entro i due gradi, il massimo considerato sostenibile, le emissioni dovrebbero essere ridotte da qui al 2050 almeno del 40% (meglio se del 70%). Un livello altissimo e se continua così difficilmente raggiungibile." Se le politiche energetiche non subiranno mutamenti ci sarà un aumento delle temperature medie del pianeta di 3 o 4 gradi: "Il rapporto sollecita un "trasferimento massiccio" dall'uso intentivo dei combustibili fossili alle energie rinnovabili entro i prossimi 16 anni per poter ancora invertire il riscaldamento globale in atto. Altrimenti, entro il 2100 le temperature medie globali aumenteranno fra 3,7 e 4,8 gradi." Sotto il grafico che riporta l'andamento dell'estensione dei ghiacci artici: andamento_ghiacci "Per evitare interferenze pericolose con il clima, dobbiamo cambiare le nostre abitudini" ha spiegato Ottoma Edenhofer, uno dei tre co-presidenti del gruppo di lavoro dell'Ipcc sul riscaldamento globale. Repubblica spiega anche che "quello che manca nel rapporto finale dell'Ipcc è un'analisi è attenta delle cause del continuo aumento delle emissioni: nelle 33 pagine diffuse oggi, che serviranno come guida per un nuovo round di negoziati sul clima nel 2015, manca infatti una parte che era presente nelle versioni trapelate nei mesi passati. Nelle precedenti versioni si considerava responsabile "dell'aumento delle emissioni la crescente richiesta energetica dei paesi emergenti, sia per la crescita della popolazione che per l'espansione economica. Insomma si puntava principalmente il dito contro la Cina e altri grandi paesi emergenti. I grafici relativi a questa parte sono stati cancellati dalla versione finale." Secondo molti il cambiamento delle politiche energetiche potrebbe mettere in pericolo la crescita economica in un periodo di forte crisi, ma Edenhofer ha fatto notare che "non significa che il mondo deve sacrificare la crescita per salvare l'ambiente è un ritardo della crescita economica, ma non è un sacrificio." Inoltre, conclude Edenhofer, "questo scenario non esclude dal costo stimato, il risparmio che deriverebbe dalla limitazione dei fenomeni atmosferici estremi e dall'inquinamento dell'aria che respiriamo."



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

Corsi - Prevenzione a tavola

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo