I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Pasta Garofalo passa alla spagnola Ebro

Il gruppo ha annunciato l'ingresso nel capitale con una quota del 52% di Ebro

Pubblicato il 04/06/2014 da Prevenzione a tavola

Pasta Garofalo

lascia l'Italia - Il gruppo spagnolo Ebro ha acquisito il 52% del capitale della società, lo riporta La Repubblica: "La pasta Garofalo allunga la lista dei marchi made in Italy della moda e dell'alimentare passati sotto il controllo di azionisti stranieri. Il gruppo ha infatti annunciato l'ingresso nel capitale con una quota del 52% degli spagnoli di Ebro, multinazionale che opera nei settori del riso, della pasta e dei condimenti, quotato alla Borsa di Madrid." Un investimento di circa 62 milioni di euro che "conferma la passione degli iberici per i "primi piatti" della nostra terra: un anno fa avevano rilevato il 25% della Riso Scotti di Pavia per 18 milioni di euro con una valutazione complessiva di 72 milioni. In quel caso, però, la famiglia italiana aveva mantenuto la maggioranza con il 75% del capitale." L'impero di Ebro si espande così sempre più: "Il gruppo spagnolo cresce in questo modo sul mercato internazionale e allunga la lista dei suoi marchi (una cinquantina in 25 paesi): lo scorso anno ha realizzato 1,95 miliardi di ricavi con ebitda in calo a 282 milioni di euro. Pasta Garofalo, dal 1997 sotto il controllo della famiglia Menna, ha chiuso il 2013 con oltre 134 milioni di ricavi." Il gruppo spagnolo avrebbe rilevato Pasta Garofalo con l'intento di crescere nel mercato premium: "L'obiettivo degli spagnoli è mantenere salda l'identità dell'azienda e del prodotto, dai vertici alle maestranze fino al sito produttivo. Anche se è evidente che con l'operazione Ebro punta a sfruttare importanti sinergie di gruppo per crescere all'estero. Il numero uno del gruppo Antonio Hernández Callejas ha spiegato di aver scelto Garofalo "per la qualità del suo prodotto. L'acquisizione si inserisce nell'ambito della nostra strategia di crescita nel segmento premium, attraverso un marchio prestigioso della pasta italiana". Non c'è da preoccuparsi secondo l'ad Massimo Menna, secondo il quale questa è una occasione per "divenire ambasciatore sempre più forte della produzione e professionalità del nostro Paese". Un'occasione che però, come sempre più spesso accade passa attraverso investitori internazionali. Prima sono stati i big dell'alimentare dai Baci Perugina nel 1988 allo Star nel 2012; poi i grandi della moda: Versace è stato l'ultimo pochi mesi fa, ma prima era toccato a Krizia, Loro Piana e perfino Poltona Frau passata da Luca Cordero di Montezemolo - che ambiva a un ruolo di ambasciatore del made in Italy all'estero - agli americani di Haworth. "



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Corsi - Prevenzione a tavola

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Corsi - Prevenzione a tavola

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?

Alla scoperta del topinambur, l’ortaggio che vi cambierà la vita

Il topinambur combina proprietà diuretiche con doti benefiche per abbassare la glicemia

Ecco gli alimenti per sorridere all’autunno

Cambio di stagione, gli alimenti alleati del buonumore

Ecco perché vale la pena mangiare i cachi

Racchiudono straordinarie proprietà per il nostro organismo