I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Pasta Garofalo passa alla spagnola Ebro

Il gruppo ha annunciato l'ingresso nel capitale con una quota del 52% di Ebro

Pubblicato il 04/06/2014 da Prevenzione a tavola

Pasta Garofalo

lascia l'Italia - Il gruppo spagnolo Ebro ha acquisito il 52% del capitale della società, lo riporta La Repubblica:"La pasta Garofalo allunga la lista dei marchi made in Italy della moda e dell'alimentare passati sotto il controllo di azionisti stranieri. Il gruppo ha infatti annunciato l'ingresso nel capitale con una quota del 52% degli spagnoli di Ebro, multinazionale che opera nei settori del riso, della pasta e dei condimenti, quotato alla Borsa di Madrid." Un investimento di circa 62 milioni di euro che "conferma la passione degli iberici per i "primi piatti" della nostra terra: un anno fa avevano rilevato il 25% della Riso Scotti di Pavia per 18 milioni di euro con una valutazione complessiva di 72 milioni. In quel caso, però, la famiglia italiana aveva mantenuto la maggioranza con il 75% del capitale."L'impero di Ebro si espande così sempre più:"Il gruppo spagnolo cresce in questo modo sul mercato internazionale e allunga la lista dei suoi marchi (una cinquantina in 25 paesi): lo scorso anno ha realizzato 1,95 miliardi di ricavi con ebitda in calo a 282 milioni di euro. Pasta Garofalo, dal 1997 sotto il controllo della famiglia Menna, ha chiuso il 2013 con oltre 134 milioni di ricavi."Il gruppo spagnolo avrebbe rilevato Pasta Garofalo con l'intento di crescere nel mercato premium:"L'obiettivo degli spagnoli è mantenere salda l'identità dell'azienda e del prodotto, dai vertici alle maestranze fino al sito produttivo. Anche se è evidente che con l'operazione Ebro punta a sfruttare importanti sinergie di gruppo per crescere all'estero. Il numero uno del gruppo Antonio Hernández Callejas ha spiegato di aver scelto Garofalo "per la qualità del suo prodotto. L'acquisizione si inserisce nell'ambito della nostra strategia di crescita nel segmento premium, attraverso un marchio prestigioso della pasta italiana".Non c'è da preoccuparsi secondo l'ad Massimo Menna, secondo il quale questa è una occasione per "divenire ambasciatore sempre più forte della produzione e professionalità del nostro Paese". Un'occasione che però, come sempre più spesso accade passa attraverso investitori internazionali. Prima sono stati i big dell'alimentare dai Baci Perugina nel 1988 allo Star nel 2012; poi i grandi della moda: Versace è stato l'ultimo pochi mesi fa, ma prima era toccato a Krizia, Loro Piana e perfino Poltona Frau passata da Luca Cordero di Montezemolo - che ambiva a un ruolo di ambasciatore del made in Italy all'estero - agli americani di Haworth. "



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco cosa succede a mangiare un uovo al giorno

Nuovo studio riabilita l'alimento: riduce il rischio cardiovascolare

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Corsi - Prevenzione a tavola

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo