I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Pasta Garofalo passa alla spagnola Ebro

Il gruppo ha annunciato l'ingresso nel capitale con una quota del 52% di Ebro

Pubblicato il 04/06/2014 da Prevenzione a tavola

Pasta Garofalo

lascia l'Italia - Il gruppo spagnolo Ebro ha acquisito il 52% del capitale della società, lo riporta La Repubblica: "La pasta Garofalo allunga la lista dei marchi made in Italy della moda e dell'alimentare passati sotto il controllo di azionisti stranieri. Il gruppo ha infatti annunciato l'ingresso nel capitale con una quota del 52% degli spagnoli di Ebro, multinazionale che opera nei settori del riso, della pasta e dei condimenti, quotato alla Borsa di Madrid." Un investimento di circa 62 milioni di euro che "conferma la passione degli iberici per i "primi piatti" della nostra terra: un anno fa avevano rilevato il 25% della Riso Scotti di Pavia per 18 milioni di euro con una valutazione complessiva di 72 milioni. In quel caso, però, la famiglia italiana aveva mantenuto la maggioranza con il 75% del capitale." L'impero di Ebro si espande così sempre più: "Il gruppo spagnolo cresce in questo modo sul mercato internazionale e allunga la lista dei suoi marchi (una cinquantina in 25 paesi): lo scorso anno ha realizzato 1,95 miliardi di ricavi con ebitda in calo a 282 milioni di euro. Pasta Garofalo, dal 1997 sotto il controllo della famiglia Menna, ha chiuso il 2013 con oltre 134 milioni di ricavi." Il gruppo spagnolo avrebbe rilevato Pasta Garofalo con l'intento di crescere nel mercato premium: "L'obiettivo degli spagnoli è mantenere salda l'identità dell'azienda e del prodotto, dai vertici alle maestranze fino al sito produttivo. Anche se è evidente che con l'operazione Ebro punta a sfruttare importanti sinergie di gruppo per crescere all'estero. Il numero uno del gruppo Antonio Hernández Callejas ha spiegato di aver scelto Garofalo "per la qualità del suo prodotto. L'acquisizione si inserisce nell'ambito della nostra strategia di crescita nel segmento premium, attraverso un marchio prestigioso della pasta italiana". Non c'è da preoccuparsi secondo l'ad Massimo Menna, secondo il quale questa è una occasione per "divenire ambasciatore sempre più forte della produzione e professionalità del nostro Paese". Un'occasione che però, come sempre più spesso accade passa attraverso investitori internazionali. Prima sono stati i big dell'alimentare dai Baci Perugina nel 1988 allo Star nel 2012; poi i grandi della moda: Versace è stato l'ultimo pochi mesi fa, ma prima era toccato a Krizia, Loro Piana e perfino Poltona Frau passata da Luca Cordero di Montezemolo - che ambiva a un ruolo di ambasciatore del made in Italy all'estero - agli americani di Haworth. "



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La zucca è ottima per la nostra salute: due ricette da leccarsi i baffi

La zucca, la regina dell'autunno, è ricca di proprietà benefiche per il nostro organismo

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

L’olio extravergine d’oliva protegge da infarti e ictus

Il merito è di una proteina salva-cuore

Nel tuorlo d’uovo in segreto per non perdere i capelli

Secondo uno studio giapponese si nasconde un possibile composto contro l'alopecia

La dieta mediterranea allunga la vita degli anziani

Perché riduce del 25% il rischio di morte per qualsiasi causa negli over-65

Corsi - Prevenzione a tavola

Le fragole contrastano le malattie infiammatorie croniche intestinali

Secondo studio possono essere utili contro morbo di Chron e colite ulcerosa

Ecco perché le cicerchie fanno bene

Proprietà e benefici delle cicerchie

Cicerchie: tra falsi miti e realtà

In passato ingiustamente demonizzate, oggi le cicerchie sono oggetto di riscoperta

Corsi - Prevenzione a tavola

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'