I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Zucchero, 77 motivi per non mangiarlo

Tra i danni causati dallo zucchero c’è anche il rischio di malattie cardiache

Pubblicato il 19/05/2014 da Prevenzione a tavola

Zucchero, 77 motivi per non mangiarlo

77 danni che sono causati dallo zucchero. E' questa la lista redatta dalla Dottoressa Nancy Appleton, autrice del libro Lick the Sugar Habit, secondo quanto riporta il quotidiano La Stampa: "Zucchero killer. In molti ormai sono convinti che un’assunzione eccessiva possa intaccare in modo grave la salute. Eccesso di zuccheri è, per esempio, causa di eccitabilità e iperattività. Eccesso di zuccheri è legato al rischio di obesità – e dunque di diabete. …Eccesso di zuccheri è molto molto dannoso in tanti modi. Se volete farvene un’idea maggiore potete leggere la lista dei ben 77 danni che lo zucchero può causare alla salute". I ricercatori del Research Fellow in collaborazione con l’Otago Department of Human Nutrition hanno condotto una ricerca prendendo in esame gli studi internazionali pubblicati tra il 1965 e il 2013 che confrontavano "gli effetti di un maggiore o minore consumo di zuccheri aggiunti sulla pressione arteriosa e i lipidi nel sangue, che sono entrambi importanti fattori di rischio cardiovascolare." Lo studio è giunto alla conclusione che lo zucchero, in particolare se raffinato, può essere nocivo alla salute. Ecco la lista dei 77 danni che lo zucchero può causare: 1) Può sopprimere il sistema immunitario e mettere in pericolo le difese contro le malattie infettive. 2) Sconvolge i rapporti dei minerali nel corpo: causa carenze di cromo e di rame e interferisce con l’assorbimento di calcio e magnesio. 3) Può causare un rapido aumento di adrenalina, iperattività, ansia, difficoltà di concentrazione e irritabilità nei bambini. 4) Può produrre un aumento significativo del colesterolo totale, trigliceridi e colesterolo LDL (cattivo) e diminuzione del colesterolo HDL 5) Causa perdita di elasticità e di funzione dei tessuti. 6) Alimenta le cellule tumorali ed è stato collegato con lo sviluppo dei cancri al seno, ovaie, prostata, retto, pancreas, vie biliari, polmone, stomaco e colecisti. 7) Può aumentare i livelli di glucosio a digiuno, può indurre a mangiare di più a causa dell’ipoglicemia reattiva (senso di fame). 8) Può indebolire la vista. 9) Può causare molti problemi nel tratto gastrointestinale, tra cui: acidità di stomaco, cattiva digestione, malassorbimento, un aumento del rischio di morbo di Crohn e colite ulcerosa. 10) Può causare invecchiamento precoce. [30] Questo fattore di accelerazione dell’invecchiamento è dovuto all’insulina che viene prodotta in maggiori quantità dal consumo di zucchero. 11) Può portare all’alcolismo. 12) Produrre acidità salivare, carie e malattie parodontali. 13) Contribuisce in maniera determinante all’obesità. 14) Può causare malattie autoimmuni come artrite, asma e sclerosi multipla. 15) Favorisce di molto lo sviluppo e diffusione incontrollati del lievito Candida albicans. 16) Può causare la formazione di calcoli biliari. 17) Può essere causa di appendicite. 18) Può favorire la formazione di emorroidi. 19) Può favorire la formazione di vene varicose. 20) Può elevare la glicemia e l’insulinemia nelle donne che assumono contraccettivi orali. (CONTINUA A LEGGERE LA LISTA)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

Corsi - Prevenzione a tavola

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti