I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Altro che antibiotici, prendete il miele!

Una nuova ricerca dimostra come il nettare delle api sia più efficace degli antibiotici

Pubblicato il 14/04/2014 da Prevenzione a tavola

Gli antibiotici convenzionali vengono prescritti e consumati troppo facilmente. Secondo il Centro Statunitense per il Controllo delle Malattie (CDC) i medici li prescrivono anche per curare infezioni virali, quando invece servono a curare quelle batteriche. L'utilizzo non corretto o esagerato degli antibiotici può peggiorare anche lo stato di salute e l'emergere di infezioni resistenti. In questo panorama, i ricercatori del Salve Regina University di Newport stanno riscoprendo le ragioni per cui il miele grezzo è ancora uno dei migliori antibiotici naturali al giorno d'oggi. Il miele infatti combatte le infezioni su più livelli e non favorisce l'insorgere di batteri resistenti. Susan M. Meschwitz  ha presentato i risultati alla 247esima Assemblea nazionale della American Chemical Society: òa ploprietà unica di miele risiederebbe nella sua capacità di combattere le infezioni su più livelli , rendendo più difficile per i batteri di sviluppare resistenza. Il miele ucciderebbe i batteri con un effetto osmosi, favorito dall'alta concentrazione di zucchero di cui è composto. Il nettare delle api possiede anche proprietà che impediscono la formazione di biofilm, batteri molto resistenti che rilasciando le tossine aumentano le loro capacità di causare la malattia.  I medici, secondo la Meschwits, dovrebbero prescrivere prima il miele, poi come ultima risorsa gli antibiotici tradizionali. Non solo il miele è antibatterico , ma è anche antivirale e antimicotico, caratteristiche che lo rendono più potente degli antibiotici convenzionali . (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Corsi - Prevenzione a tavola

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Corsi - Prevenzione a tavola

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina