I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Gli antibiotici: possono innescare reazioni autoimmuni

Secondo una nuova ricerca il rischio di effetti collaterali non dovrebbe essere sottovalutato

Pubblicato il 02/04/2014 da Prevenzione a tavola

La codifica di ogni gene include un messaggio alla sua fine che segnala al sistema di traslazione di fermarsi. Alcune patologie, come la fibrosi cistica o la distrofia muscolare di Duchenne, derivate da mutazioni, possono introdurre questo segnale di stop nel mezzo di un gene essenziale, causando la troncatura della proteina risultante. Alcuni antibiotici che inducono il sistema di traslazione della cellula ad ignorare lo stop sono in fase di studio come potenziale terapia per queste malattie. Ma una nuova indagine pubblicata sulla rivista PNAS avverte che potrebbe esserci il rischio di innescare reazioni autoimmuni. Dovremo riflettere attentamente su questo potenziale effetto collaterale, un probabile meccanismo che innesca l'autoimmunita'", ha spiegato Laurence Eisenlohr della Thomas Jefferson University (Usa), tra i responsabili dello studio che ha esaminato una classe di antibiotici che comprende la gentamicina con la proprieta' unica di indurre la cellule a leggere attraverso i codoni di termine (stop) nel codice genetico, producendo una proteina piu' lunga. Questo processo puo' aiutare a salvare la traslazione dei geni mutati, la cui lavorazione viene interrotta da codoni di stop aberranti, come avviene nella fibrosi cistica. Tuttavia, quando la cellula legge attraverso i normali codoni di stop puo' creare proteine dalla lunghezza anomala al suo interno. Pezzi di queste proteine anomale potrebbero essere rilevati dal sistema immunitario. La teoria e' stata testata esponendo la linea cellulare HeLa alla gentamicina, meccanismo che ha indotto la crescita di nuovi peptidi sulla superficie delle cellule: diciassette peptidi rilevati dal sistema immunitario. "I risultati suggeriscono che la gentamicina puo' indurre la cellula a sottoporre nuovi frammenti proteici al sistema immunitario", ha precisato Elliot Goodenough, autore principale della ricerca."Tuttavia non siamo ancora certi che in presenza di questi frammenti il sistema attivi difese che causino autoimmunita' ma e' un rischio potenziale e da considerare approfonditamente. L'infiammazione associata alle malattie batteriche - ha continuato - segnala alle cellule immunitarie che i peptidi che incontrano sono pericolosi. Quando la gentamicina combatte i batteri che causano l'infezione, induce le cellule normali a produrre proteine anomale che rilevate dal sistema immunitario potrebbero avviare una reazione autoimmune". (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Corsi - Prevenzione a tavola

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Corsi - Prevenzione a tavola

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina