I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Gli antibiotici: possono innescare reazioni autoimmuni

Secondo una nuova ricerca il rischio di effetti collaterali non dovrebbe essere sottovalutato

Pubblicato il 02/04/2014 da Prevenzione a tavola

La codifica di ogni gene include un messaggio alla sua fine che segnala al sistema di traslazione di fermarsi. Alcune patologie, come la fibrosi cistica o la distrofia muscolare di Duchenne, derivate da mutazioni, possono introdurre questo segnale di stop nel mezzo di un gene essenziale, causando la troncatura della proteina risultante. Alcuni antibiotici che inducono il sistema di traslazione della cellula ad ignorare lo stop sono in fase di studio come potenziale terapia per queste malattie. Ma una nuova indagine pubblicata sulla rivista PNAS avverte che potrebbe esserci il rischio di innescare reazioni autoimmuni. Dovremo riflettere attentamente su questo potenziale effetto collaterale, un probabile meccanismo che innesca l'autoimmunita'", ha spiegato Laurence Eisenlohr della Thomas Jefferson University (Usa), tra i responsabili dello studio che ha esaminato una classe di antibiotici che comprende la gentamicina con la proprieta' unica di indurre la cellule a leggere attraverso i codoni di termine (stop) nel codice genetico, producendo una proteina piu' lunga. Questo processo puo' aiutare a salvare la traslazione dei geni mutati, la cui lavorazione viene interrotta da codoni di stop aberranti, come avviene nella fibrosi cistica. Tuttavia, quando la cellula legge attraverso i normali codoni di stop puo' creare proteine dalla lunghezza anomala al suo interno. Pezzi di queste proteine anomale potrebbero essere rilevati dal sistema immunitario. La teoria e' stata testata esponendo la linea cellulare HeLa alla gentamicina, meccanismo che ha indotto la crescita di nuovi peptidi sulla superficie delle cellule: diciassette peptidi rilevati dal sistema immunitario. "I risultati suggeriscono che la gentamicina puo' indurre la cellula a sottoporre nuovi frammenti proteici al sistema immunitario", ha precisato Elliot Goodenough, autore principale della ricerca."Tuttavia non siamo ancora certi che in presenza di questi frammenti il sistema attivi difese che causino autoimmunita' ma e' un rischio potenziale e da considerare approfonditamente. L'infiammazione associata alle malattie batteriche - ha continuato - segnala alle cellule immunitarie che i peptidi che incontrano sono pericolosi. Quando la gentamicina combatte i batteri che causano l'infezione, induce le cellule normali a produrre proteine anomale che rilevate dal sistema immunitario potrebbero avviare una reazione autoimmune". (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La zucca è ottima per la nostra salute: due ricette da leccarsi i baffi

La zucca, la regina dell'autunno, è ricca di proprietà benefiche per il nostro organismo

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

L’olio extravergine d’oliva protegge da infarti e ictus

Il merito è di una proteina salva-cuore

Nel tuorlo d’uovo in segreto per non perdere i capelli

Secondo uno studio giapponese si nasconde un possibile composto contro l'alopecia

La dieta mediterranea allunga la vita degli anziani

Perché riduce del 25% il rischio di morte per qualsiasi causa negli over-65

Corsi - Prevenzione a tavola

Le fragole contrastano le malattie infiammatorie croniche intestinali

Secondo studio possono essere utili contro morbo di Chron e colite ulcerosa

Ecco perché le cicerchie fanno bene

Proprietà e benefici delle cicerchie

Cicerchie: tra falsi miti e realtà

In passato ingiustamente demonizzate, oggi le cicerchie sono oggetto di riscoperta

Corsi - Prevenzione a tavola

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'