I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Suor Cristina, la star di The Voice scartata da Amici

La scartarono anche da XFactor

Pubblicato il 24/03/2014 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Una suora a The Voice non poteva non fare notizia. Ma Cristina Scuccia, 25enne di Comiso, in provincia di Ragusa, ha conquistato tutti in un attimo. Soprattutto J-Ax, che l'ha immediatamente scelta per la propria squadra. Suor Cristina si è raccontata a Credere.it ed ha confessato che, nella sua vita, la musica è arrivata prima della vocazione: «Dopo la Cresima mi ero allontanata dalla Chiesa ed ero arrabbiata con il Signore. Per me contava solo andare alle lezioni di canto, frequentare l’Accademia di spettacolo a Catania, farmi vedere con la mia band». La ragazza, appena maggiorenne, cercò quindi di tentare il successo con i talent show, ma fu scartata durante i provini per Amici e X-Factor. Iniziò allora l'università e nel frattempo trovò anche un fidanzato, fino a quando, nel 2007, la madre di Cristina lesse un articolo sulla conversione di Claudia Kohl, che nel frattempo era diventata la direttrice dell'accademia fondata dalle Orsoline. La Kohl cercava una protagonista per il musical su Suor Rosa, la fondatrice delle suore Orsoline. Cristina richiese quindi un provino per la parte e fu scelta. Da questo momento la ragazza scoprì lavocazione, ed iniziò un noviziato in Brasile, dove si occupò dei bambini delle favelas: «La musica mi ha aiutato a entrare in contatto con loro e ho riscoperto il canto come un modo per lodare il Signore, come esigenza della mia anima e strumento per toccare i cuori». Ora suor Cristina ha rinnovato i voti di castità, povertà e obbedienza, ma si esibisce in concerti e l'anno scorso ha suonato in Campidoglio a Roma durante una manifestazione di pellegrini e si è aggiudicata il Good News, un festival della musica cristiana. La scelta di J-Ax, però, è il riconoscimento più grande: «Il diavolo e l'acqua santa», per dirlo con le stesse parole dell'ex Articolo 31. (fonte)



banner basso postfucina







  • Segui TV:


NOTIZIE + RECENTI

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Corsi - Prevenzione a tavola

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Corsi - Prevenzione a tavola

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle