I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Il cheeseburger fa male? Non è provato

Dopo decenni di messa al bando da parte dei medici, arriva lo studio che lo scagiona. Non fa così male come crediamo

Pubblicato il 19/03/2014 da Prevenzione a tavola

Il cheeseburger e i grassi saturi tutti si prendono la sua “rivincita”. Perché dopo decenni di “messa al bando” da parte di medici e esperti di alimentazione di tutto il mondo arriva un nuovo studio, riportato dal New York Times, in cui si afferma invece che un ‘cheesburger’ o un pezzo di pizza carica di formaggio in fondo non fa così male. Secondo il team di ricercatori, guidati Rajiv Chowdhury della Cambridge University, le persone che consumano livelli abbastanza alti di grassi saturi, come quelli che si trovano per esempio in salumi, burro o formaggio, non soffrono di malattie cardiovascolari in misura maggiore di chi ne assume meno. Insomma non ci sono prove – dicono gli studiosi – che abolendo i grassi saturi e sostituendoli con quelli insaturi – omega 3, omega 6 – contenuti in pesce, olio di semi, legumi e altri cibi, si riducano i pericoli di ammalarsi. Più cauto invece il dottor Frank Hu, professore alla Harvard School of Public Health. Hu, che non ha partecipato allo studio, sottolinea come i risultati della ricerca non dovrebbero essere considerati un via libera ad un maggiore consumo di bistecche, burro e altri alimenti ricchi di grassi saturi. A suo parere infatti, bisogna guardare ai singoli cibi e non ai gruppi di sostanze nutritive. Il dottor Chowdhury e il suo team – che hanno condotto la ricerca sulla base di circa 80 studi che coinvolgono più di mezzo milione di persone – rispondono di aver osservato non solo ciò che la gente ha mangiato, ma anche dati più oggettivi come la composizione degli acidi grassi nel sangue e nel tessuto adiposo. E precisano di aver trovato un legame tra i grassi trans e le malattie cardiache, ma nessuna prova del pericolo rappresentato dai grassi saturi. Nel frattempo, un gruppo di esperti sostiene che la nuova arma nella lotta all’obesità potrebbe essere la tequila. Negli esperimenti effettuati sui topi, infatti, sembra che gli Agavins – gli zuccheri naturali contenuti nell’agave, la pianta da cui deriva la tequila – proteggano contro l’obesita’ e il diabete di tipo 2. Gli Agavins – spiega lo studio, presentato alla riunione annuale dell’American Chemical Society – agiscono come fibre alimentari e non causano l’aumento del livello di zucchero nel sangue, e potrebbero quindi essere usati come dolcificante artificiale dalle persone che soffrono di questi disturbi. (fonte) LEGGI ANCHE: Mangia solo pizza per 25 anni, si riduce così... Le allusioni sessuali sulla ministra Boschi Hai capito la berlusconiana che flirta con Renzi...



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

Corsi - Prevenzione a tavola

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo