I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Arava: il farmaco che può uccidere, ma che in Italia è venduto

A dircelo è la sentenza di un tribunale

Pubblicato il 14/03/2014 da Prevenzione a tavola

Un caso cui rivolgere particolare attenzione riguarda un farmaco utilizzato per la cura dell'artrite reumatoide e psoriasica: l'Arava. Negli Stati Uniti questo farmaco è vietato per via dei terribili effetti collaterali, fra cui la necrosi del fegato. Negli Stati Uniti anche un altro farmaco molto comune, l'Aulin, era stato vietato per via degli stessi effetti. L'Italia è stato uno degli ultimi paesi dell'Unione Europea a ritirarlo dal mercato. Mentre sul principio attivo dell'Aulin, il nimesulide, i più non erano d'accordo soprattutto perché erano necessarie grandi quantità per arrivare a essere dannoso, con Arava la situazione è diversa. Il farmaco ha ottenuto nel 2009 la conferma dell'autorizzazione alla vendita, nonostante resti vietato negli Usa. Arava presenta come principio attivo il leflunomide, un immunosoppressore necessario a tenere basso il numero di globuli bianchi nei malati di artrite reumatoide attiva e psoriasica attiva, due malattie che portano la prima infiammazioni delle articolazioni e la seconda in aggiunta la comparsa di chiazze rosse di desquamazione sulla pelle. Ad un numero rilevante di persone sembra causare necrosi al fegato portando ammalati di una malattia certamente potenzialmente invalidante, ma non mortale, a rischiare la vita o essere destinati al trapianto. Nonostante i medici debbano sottoporre i pazienti ai dovuti controlli prima di assegnare l'Arava, possono verificarsi casi gravi come quello di Manuela, diciottenne veneziana morta nel 2002 di necrosi al fegato dopo aver utilizzato per un anno Arava per la cura del'artride reumatoide. Nel 2011 l'Asl presso cui la ragazza era in cura è stata condannata per dolo a un risarcimento di 500mila euro alla famiglia della giovane per via dell'uso indiscriminato di un farmaco che la sentenza ha definito "tossico". Tuttavia continua a venire somministrato a molti pazienti con rischi elevatissimi. (Fonte) «Il referto medico - spiega il medico legale Marcolin - accerta che Manuela è morta per necrosi al fegato. Sono gli stessi sanitari del'Asl 13 che relazionano al ministero della Sanità l'uso del farmaco collegandolo al decesso della giovane». (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

Mangiare frutta e verdura rende felici

Uno studio dimostra che il benessere individuale cresce all'aumentare delle porzioni di frutta e verdura

Se mangi cavolo viola la tua salute ti ringrazierà

Ricco di vitamine, ottimo per la salute degli occhi e per abbassare il colesterolo

Zuppa di borlotti con maltagliati fatti in casa

Berrino: come invecchiare in salute con la corretta alimentazione

Il cibo è la nostra arma più forte contro le malattie croniche

Corsi - Prevenzione a tavola

Come usare gli agrumi per combattere tosse, mal di gola, raffreddore

I trucchi del contadino a base di agrumi contro i malanni di stagione

Muffin con olive e capperi agli aromi

Oggi prepariamo di gustosi muffin salati buonissimi ma ottimi per il nostro organismo

Cosa mangiare per combattere il freddo

Corsi - Prevenzione a tavola

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Veronesi: le sostanze anti-cancro di frutta e verdura

Come proteggerci dalle numerose sostanze potenzialmente cancerogene intorno a noi

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute