I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Alpi, ghiacciai sempre più deboli

Si sono addirittura dimezzati quelli del Friuli Venezia Giulia, mentre in Veneto si registra un calo del 26%.

Pubblicato il 25/02/2014 da Prevenzione a tavola

I ghiacciai alpini si riducono sempre di più. Si sono addirittura dimezzati quelli del Friuli Venezia Giulia, mentre in Veneto si registra un calo del 26%. E' quanto emerge dal nuovo Catasto dei ghiacciai italiani nella parte dedicata al Nordest. Si tratta di un progetto di ricerca che monitora lo stato di salute delle Alpi italiane, indicatore dei cambiamenti climatici, realizzato dall'Università degli studi di Milano, con il sostegno del gruppo San Pellegrino, e del Comitato EvK2Cnr. Sciolti dal clima caldo - I piccoli ghiacciai di Veneto e Friuli-Venezia Giulia stanno risentendo dei cambiamenti climatici. Si sono ridotti in spessore e superficie, in linea con la tendenza al regresso riscontrata nelle altre regioni d'Italia. Nel corso degli anni, si sono, però, ricoperti di detrito, a causa dei crolli delle pareti circostanti, che li ha protetti riducendo la quantità di calore, limitando la fusione e quindi conservandoli più a lungo. Nuove scoperte - Il glaciologo Claudio Smiraglia, dell'Università di Milano e a capo del progetto di ricerca, spiega: "Seppur di difficile individuazione sono oggi molto numerose le placche di ghiaccio interamente ricoperte da detrito". Ma c'è una sorpresa: si è scoperto che sono più di quanti si supponeva, 38 corpi glaciali rispetto ai 25 finora considerati, anche se si tratta di piccole formazioni, glaciovenati, spesso non visibili perché coperti di detriti. Il nuovo catasto, con foto aree di dettaglio, ha permesso di classificare in Veneto 13 piccoli glacionevati che portano a 38 il numero dei ghiacciai totali della regione. Quanto ai ghiacciai del Friuli-Venezia Giulia, sono stati catastati 4 glacionevati e un piccolo ghiacciaio (tutti con superficie inferiore a 0,1 km quadrati). In totale si tratta di 5 corpi, 2 in meno rispetto a 50 anni fa. La loro superficie complessiva è passata da 0,38 a 0,19 km quadrati, con una riduzione percentuale del 50%.



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La zucca è ottima per la nostra salute: due ricette da leccarsi i baffi

La zucca, la regina dell'autunno, è ricca di proprietà benefiche per il nostro organismo

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

L’olio extravergine d’oliva protegge da infarti e ictus

Il merito è di una proteina salva-cuore

Nel tuorlo d’uovo in segreto per non perdere i capelli

Secondo uno studio giapponese si nasconde un possibile composto contro l'alopecia

La dieta mediterranea allunga la vita degli anziani

Perché riduce del 25% il rischio di morte per qualsiasi causa negli over-65

Corsi - Prevenzione a tavola

Le fragole contrastano le malattie infiammatorie croniche intestinali

Secondo studio possono essere utili contro morbo di Chron e colite ulcerosa

Ecco perché le cicerchie fanno bene

Proprietà e benefici delle cicerchie

Cicerchie: tra falsi miti e realtà

In passato ingiustamente demonizzate, oggi le cicerchie sono oggetto di riscoperta

Corsi - Prevenzione a tavola

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'