I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Il Giappone invaso da calamari giganti

E fra i pescatori sale l'inquietudine

Pubblicato il 21/02/2014 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Invasi dai calamari giganti. I pescatori giapponesi sono sempre più preoccupati dall'allarmente crescita di avvistamenti di quelli che, nella tradizione, sono considerati animali portatori di sventura nonché rari da catturare, considerato che vivono generalmente negli abissi più profondi dell'oceano. A dar inizio all'inquietante fenomeno è stata la cattura, avvenuta lo scorso 4 gennaio, di un primo esemplare, trovato al largo delle coste della Prefettura di Toyama. Appena quattro giorni dopo, un secondo calamaro gigante venne rinvenuto intrappolato ad una rete da pesca nei pressi dell’Isola di Sato, nell’area della Prefettura di Niigata. A Sato e Him, nei giorni successivi, altre tre creature vennero scoperte: tutte, stando a quanto riporta il The Japanese Time, misuravano tra i 3 e i 4 mentri di lunghezza. Niente in confronto al più grande, quello catturato a Iwami, nella Prefettura di Tottori: a questa mancavano i tentacoli maggiori, che, secondo gli esperti, avrebbero raggiunto gli 8 metri. Il calamaro gigante più grande in assoluto mai catturato era lungo oltre 13 metri; secondo gli scienziati, gli esemplari maschi della specie potrebbero arrivare fino ai 150 chilogrammi, mentre le femmine possono sfiorare i 300 chili. La "invasione" di calamari in Giappone ha comunque una spiegazione scientifica: come detto, generalmente questi animali vivono in acque profonde laddove le temperature sono comprese tra i 6 e i 10 gradi. A causa dell'ondato di gelo che ha colpito il Giappone, quest'anno, però, le acque si sono rivelate più fredde e ciò, secondo Tsunemi Kubodera del Museo di Scienze Naturali di Niigata, avrebbe spinto i calamari a spostarsi in cerca di acque più calde. (fonte)



banner basso postfucina







  • Segui TV:


NOTIZIE + RECENTI

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Corsi - Prevenzione a tavola

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore

Non causa solo ipertensione: nuova ricerca svela i rischi del sale

Ecco cosa si rischia con una dieta ad alto contenuto di sale

Corsi - Prevenzione a tavola

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina