I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Il Giappone invaso da calamari giganti

E fra i pescatori sale l'inquietudine

Pubblicato il 21/02/2014 da Prevenzione a tavola
Copia ed incolla il codice nel tuo sito

Invasi dai calamari giganti. I pescatori giapponesi sono sempre più preoccupati dall'allarmente crescita di avvistamenti di quelli che, nella tradizione, sono considerati animali portatori di sventura nonché rari da catturare, considerato che vivono generalmente negli abissi più profondi dell'oceano. A dar inizio all'inquietante fenomeno è stata la cattura, avvenuta lo scorso 4 gennaio, di un primo esemplare, trovato al largo delle coste della Prefettura di Toyama. Appena quattro giorni dopo, un secondo calamaro gigante venne rinvenuto intrappolato ad una rete da pesca nei pressi dell’Isola di Sato, nell’area della Prefettura di Niigata. A Sato e Him, nei giorni successivi, altre tre creature vennero scoperte: tutte, stando a quanto riporta il The Japanese Time, misuravano tra i 3 e i 4 mentri di lunghezza. Niente in confronto al più grande, quello catturato a Iwami, nella Prefettura di Tottori: a questa mancavano i tentacoli maggiori, che, secondo gli esperti, avrebbero raggiunto gli 8 metri. Il calamaro gigante più grande in assoluto mai catturato era lungo oltre 13 metri; secondo gli scienziati, gli esemplari maschi della specie potrebbero arrivare fino ai 150 chilogrammi, mentre le femmine possono sfiorare i 300 chili. La "invasione" di calamari in Giappone ha comunque una spiegazione scientifica: come detto, generalmente questi animali vivono in acque profonde laddove le temperature sono comprese tra i 6 e i 10 gradi. A causa dell'ondato di gelo che ha colpito il Giappone, quest'anno, però, le acque si sono rivelate più fredde e ciò, secondo Tsunemi Kubodera del Museo di Scienze Naturali di Niigata, avrebbe spinto i calamari a spostarsi in cerca di acque più calde. (fonte)



banner basso postfucina







  • Segui TV:


NOTIZIE + RECENTI

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

Corsi - Prevenzione a tavola

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti