I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Fukushima, nucleare ha ucciso più dello tsunami

I numeri agghiaccianti del disastro giapponese

Pubblicato il 21/02/2014 da Prevenzione a tavola

Sono 1656 le persone uccise in tre anni dallo stress e dalle malattie causate dal terremoto di Fukushima dell’11 marzo 2011. Un numero inferiore alle vittime dirette del maremoto che ha travolto la prefettura giapponese, quando persero la vita 1607 persone. Il 21 febbraio, mentre dalla centrale nucleare si registra l’ennesima fuoriuscita di acqua radioattiva, le autorità giapponesi hanno diffuso le statistiche sulle morti dirette e indirette collegate al violento tsunami che colpì il Giappone. Paolo Virtuani sul Corriere della Sera riporta le parole di Hiroyuki Harada, funzionario addetto all’assistenza alla vittime dello tsunami, alla France Presse: “«Il problema maggiore è che le persone si sono trovate con il loro ambiente e le loro abitudini completamente stravolte e hanno dovuto vivere a lungo in una condizione di precarietà e di emergenza. E questo ha generato stress fisico e psicologico». La cittadina più colpita è Minamisoma con 447 morti post-tsunami, seguita da Namie con 317 e Tomioka con 225, le ultime due completamente off-limits a causa delle radiazioni”. E non sono mancati i suicidi, legati allo stress delle precarie condizioni di vita: “Alcune persone si sono suicidate, come Hisashi Tarukawa, un agricoltore 64enne che lo scorso agosto si è impiccato dopo che le autorità avevano negato il permesso di vendita sul mercato ai suoi prodotti coltivati nell’area evacuata intorno alla centrale. Secondo l’Agenzia per la ricostruzione, alla fine dello scorso settembre il 90% delle vittime indirette dello tsunami avevano più di 66 anni. Le altre due prefetture colpite dallo tsunami, Iwate e Miyagi, hanno avuto vittime post-tsunami, rispettivamente 434 e 879 ma in percentuali minori rispetto a Fukushima”. Intanto dalla centrale di Fukushima si registrano nuove fuoriuscite di acqua radioattiva, come dichiarato dalla Tepco, societòà che gestisce l’impianto: “«Non ci sono canali in prossimità di questo deposito ed è poco probabile che l’acqua contaminata sia arrivata fino al mare. La perdita è stata fermata e stiamo recuperando il materiale fuoriuscito». Ogni litro fuoriuscito ha un’attività beta pari a 230 milioni di becquerel, di cui circa la metà a causa del radionuclide stronzio-90, ha detto il portavoce. Ciò significa che supera di 3,8 milioni di volte il limite ammesso dalla legge giapponese per l’acqua potabile. All’inizio del mese la Tepco aveva reso noto che una misurazione dell’acqua sotterranea intorno alla centrale aveva dato una lettura di 5 milioni di becquerel al litro”. (fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

Corsi - Prevenzione a tavola

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo