I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

L’Italia dice no al mais transgenico

E' fra i 12 paesi che chiedono un passo indietro all'Europa sulla coltivazione

Pubblicato il 13/02/2014 da Prevenzione a tavola

"La Commissione Ue ritiri la proposta che autorizza la coltivazione del nuovo mais transgenico 1507". La richiesta viene dall'Italia e da altri 11 Paesi in una lettera inviata al commissario alla Salute, Tonio Borg, e firmata anche dal ministro per gli Affari europei, Enzo Moavero. Nella missiva si fa riferimento al consiglio Affari generali, in cui gli Stati hanno deciso di non votare. E si sottolinea che solo 5 Stati hanno sostenuto la proposta. "La Commissione non può ignorare le preoccupazioni" - La lettera si riferisce al Consiglio Affari generali dell'11 febbraio dove gli Stati hanno deciso di non votare: "La discussione al Consiglio ha reso chiaro che nella sensibile questione di autorizzare il mais 1507, la soluzione è nelle mani della Commissione. Che è ancora nella posizione di ritirare la sua proposta". I dodici Paesi firmatari della lettera oltre all'Italia, sono stati Austria, Bulgaria, Cipro, Francia, Ungheria, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Polonia, Slovenia, Malta. Questi Stati ricordano che "una grande maggioranza degli attori coinvolti, il Parlamento Ue e gli Stati membri si sono ripetutamente opposti alla proposta" e ieri "solo 5 Stati l'hanno sostenuta mentre 19 erano contro". "Siamo convinti - concludono - che la Commissione non può ignorare le preoccupazioni legali, politiche e scientifiche di così tanti Stati e del panorama politico". E si dicono "fiduciosi che la Commissione ritirerà la proposta". "Legalmente obbligata" - Una richiesta destinata a essere un buco nell'acqua come ha spiegato nei giorni scorsi il portavoce del commissario Ue all'Agricoltura. Dopo che il Consiglio Ue non ha votato sul tema, infatti, la Commissione europea è "legalmente obbligata" ad adottare la proposta di coltivazione del mais geneticamente modificato Pioneer 1507. Il portavoce ha concluso che la Commissione "non ha opzioni, se non quella di adottare la proposta". Borg: "nessun nuovo argomento" - Il commissario Tonio Borg afferma che nella lettera non c'è "nessun nuovo argomento". Secondo Borg toccava ai 28 opporsi all'ok che la Commissione è ora tenuta a dare. (TgCOM)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Il caffè può rallentare il Parkinson

I ricercatori hanno scoperto le potenzialità di due composti del caffè

Cos’è il Miso e perché dovresti inserirlo nella tua alimentazione

Il miso protegge lo stomaco e l'intestino, migliora la digestione e sconfigge il gonfiore addominale

Bietola, da gustare tutto l’anno

Trucchetti e consigli di cottura e conservazione, più due ricette

Ceci alle erbe aromatiche

Oggi vi prepongo una ricetta facile e veloce

Zuppa di Orzo alle erbe, le ricette dell’antica Roma

Oggi vi propongo una ricetta invernale che pare piacesse molto anche agli antichi romani: l'Orzo “speciale” alle erbe!

Corsi - Prevenzione a tavola

Le virtù del cardo, parente stretto del carciofo

Tra le tante proprietà del cardo emerge quella protettiva per il fegato e quella anti-tumorale

Sicuri di conoscere tutte le proprietà dello scalogno?

Ricostituente, digestivo, disintossicante. Ecco come usarlo in cucina

La ricetta dello strudel di zucca

Oggi prepariamo un dolce buono e sano che non ci farà sentire in colpa, lo strudel di zucca

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco la frutta che ti salva da infarto e ictus

Le antocianine presenti in alcuni tipi di frutta rappresentano uno scudo per la salute del cuore

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali