I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

E l’infame tradì…

di Alberto Massari

Pubblicato il 13/02/2014 da Alberto Massari

La vanità… sempre la vanità, la presunzione abissale di quegli uomini. Nunn May, Pontecorvo, Fuchs, Prime, erano tutti uguali; si erano arrogati il diritto di recitare la parte di Dio, nella convinzione che soltanto il traditore ha ragione e che tutti i suoi colleghi sono stupidi; e l’amore inebriante per il potere che deriva dalla manipolazione della politica mediante la trasmissione di segreti per i fini nei quali crede e per la sconfitta dei suoi presunti avversari nell’ambito del suo stesso governo… F. Forsyth, Il quarto protocollo. Tradire significa consegnare qualcosa a qualcuno. Giuda consegna Gesù ai Romani; la talpa documenti segreti e informazioni al nemico; si consegna all’amante il proprio corpo, a un partito il voto. Il traditore è guardato comunque con sospetto e con disprezzo, anche da chi ne gode il frutto, giacché il tradimento non è un atto qualunque. Tradire – che è pur sempre una variante della scelta – richiede che il soggetto sia consapevole di operare contro un patto, una norma o una promessa, con il fine di interrompere lo svolgimento di una impresa, di una storia. Scrive Giulio Giorello: “È l’aspetto bifronte della libertà dischiusa dal tradimento: chiunque ne sia coinvolto – per passione politica, per trasporto amoroso o magari per il semplice gusto di farlo – valuta i vantaggi che procura un dato corso di azioni contro gli svantaggi che arrecherà la punizione, se la macchinazione viene alla luce: la sua mente non pare più una singola entità individuale, ma una più o meno inquieta assemblea che deve deliberare la propria linea generale”. Per decidere una azione rischiosa ci vuole dunque coraggio “Si tratta di un gioco mortale. Come dice lo Hegel della Fenomenologia dello Spirito, «è soltanto rischiando la vita che si mette a prova la libertà». Solo così si dimostra che l’individuo è qualcosa di più del suo «rimanere sommerso nell’espandersi della vita». Non basta essere una persona; il traditore deve essere anche un coraggioso: per quanto siano subdole le sue azioni, infami i suoi scopi, deve almeno avere l’audacia di tradire – tutti e tutto, comprese le sue più radicate convinzioni: solo a questo prezzo diventa davvero l’angelo (cioè il messaggero) della libertà del soggetto” (Il tradimento. In amore in politica e non solo, Longanesi, 2012). Il traditore, si chiami Bruto o Kim Philby, è l’incubo di chi basa sulla opacità dell’agire, quindi sul segreto, la forza della propria esistenza. Il segreto, che per definizione sancisce una separazione tra chi lo detiene e il resto della società, è così il bene più prezioso e vitale per una struttura di potere di tale genere. Questa è la ragione per la quale proprio le dittature sviluppano una peculiare paranoia verso i traditori, giacché, più di ogni altra forma politica, tendono a negare la libertà quale tratto caratteristico del soggetto; più che altro tentano di far coincidere la libertà dei singoli con la volontà del dittatore. Lo scontro vero o simulato che prese il nome di Guerra Fredda, inevitabilmente, spinse le stesse “democrazie occidentali” tra le braccia della paranoia, il cui monumento postumo, oggi in rovina, si chiama National Security Agency (NSA) – bruciata dal “traditore” Snowden, anticipato dall’ambiguo Assange – la quintessenza della folle idea di avere un controllo assoluto del mondo. Quante istituzioni non trasparenti e fuori dal controllo dei cittadini operano oggi nel nostro Paese? Come scardinarle a partire da un sistema partitico fondato sulle “porte chiuse”? Il voto non sarà sufficiente se i prigionieri di strutture di potere consolidate (partiti, sindacati, organizzazioni criminali, lobby economiche, banche, istituzioni pubbliche) non decideranno di tradire, portando alla luce comportamenti palesemente contrari al bene pubblico se non, addirittura, ispirati da intenti criminali. Solo vincendo la paura di causare la rovina delle roccaforti del potere si darà al Paese l’opportunità di cambiare mentalità e classe dirigente. Il pericolo è grande, ma la posta in gioco incomparabilmente maggiore, giacché è la sopravvivenza stessa dell’Italia. Tradite! Siamo donne e uomini liberi.



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

Mangiare frutta e verdura rende felici

Uno studio dimostra che il benessere individuale cresce all'aumentare delle porzioni di frutta e verdura

Se mangi cavolo viola la tua salute ti ringrazierà

Ricco di vitamine, ottimo per la salute degli occhi e per abbassare il colesterolo

Zuppa di borlotti con maltagliati fatti in casa

Berrino: come invecchiare in salute con la corretta alimentazione

Il cibo è la nostra arma più forte contro le malattie croniche

Corsi - Prevenzione a tavola

Come usare gli agrumi per combattere tosse, mal di gola, raffreddore

I trucchi del contadino a base di agrumi contro i malanni di stagione

Muffin con olive e capperi agli aromi

Oggi prepariamo di gustosi muffin salati buonissimi ma ottimi per il nostro organismo

Cosa mangiare per combattere il freddo

Corsi - Prevenzione a tavola

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Veronesi: le sostanze anti-cancro di frutta e verdura

Come proteggerci dalle numerose sostanze potenzialmente cancerogene intorno a noi

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute