I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Calvizie, la cura con le staminali

Nuova speranza per chi ne soffre. Sui topi già funziona

Pubblicato il 29/01/2014 da Prevenzione a tavola

Far ricrescere i capelli grazie alle cellule staminali. E' l'obiettivo che sembra ormai vicino dopo l'esperimento che nei topi ha per la prima volta ha trasformato cellule umane adulte in staminali dell'epitelio, ossia in cellule capaci di rigenerare pelle e follicoli piliferi così come il rivestimento interno di vasi sanguigni e mucose. Descritto sulla rivista Nature Communications, il risultato si deve al gruppo coordinato da Xiaowei Xu, dell'università americana della Pennsylvania e apre le porte a una nuova tecnica per rigenerare i capelli nelle persone che soffrono di calvizie.Una volta impiantate nei topi, le staminali hanno rigenerato le cellule della pelle e prodotto follicoli piliferi da cui sono nati nuovi peli. I ricercatori sono partiti da cellule della pelle umana chiamate fibroblasti. Con l'aggiunta di tre geni, le hanno convertite in cellule staminali pluripotenti indotte, che hanno la capacità di differenziarsi in qualsiasi tipo di cellula dell'organismo. Altri fattori di crescita hanno poi indotto le cellule a specializzarsi, trasformandosi in staminali epiteliali.Innestate nei topi, le cellule così ottenute hanno prodottogli strati più esterni delle cellule della pelle umana e follicoli strutturalmente simili ai follicoli piliferi umani. ''Queste cellule - rileva Xu - hanno molte potenziali applicazioni, come la cicatrizzazione delle ferite e la rigenerazione dei capelli''. Tuttavia, precisa l'esperto, tali cellule, non sono ancora pronte all'uso sull'uomo perché un follicolo pilifero contiene cellule epiteliali e un tipo specifico di cellule staminali adulte chiamate papille dermiche. ''Quando una persona perde i capelli, perde entrambi i tipi di cellule - spiega Xu - abbiamo risolto un problema importante, la componente epiteliale del follicolo pilifero. Ora - conclude - dobbiamo comprendere come ottenere cellule delle papille dermiche''. (ANSA)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Corsi - Prevenzione a tavola

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

Corsi - Prevenzione a tavola

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo

Come orientarsi tra i diversi tipi di farina

La nutrizionista spiega la differenza tra farine integrali, tipo 00, tipo 0, tipo 1, tipo 2, di manitoba, di grano duro, di grano tenero