I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

L’inquinamento uccide più degli incidenti stradali

Il numero di morti è dieci volte superiore a quello delle vittime per incidente

Pubblicato il 16/12/2013 da Prevenzione a tavola

L'inquinamento dell'aria è il killer ambientale numero uno nell'Ue, con oltre 400mila morti premature nel 2010. Una cifra che "è oltre dieci volte quella delle vittime degli incidenti stradali, con enormi costi per la salute dei cittadini e l'economia" e un danno stimato fra i 330 e i 940 miliardi di euro l'anno. A rilanciare l'allarme è il commissario europeo all'ambiente, Janez Potocnik, annunciando l'arrivo della proposta di nuove regole sulla qualità dell'aria, il prossimo 18 gennaio. Il pacchetto include: un nuovo programma europeo "aria pulita" che stabilisce chiari obiettivi delle politiche fino al 2030, la revisione della direttiva sui tetti nazionali delle emissioni, la ratifica del protocollo di Gothenburg sulle emissioni di inquinanti, più un'azione per ridurre le emissioni per gli impianti di combustione di medie dimensioni. Cosa ci si aspetta dal pacchetto Ue di riforma? "Il potenziale di guadagno dal punto di vista dei costi-guadagni è enorme" ha spiegato Potocnik, secondo cui "il numero delle morti premature dall'inquinamento dell'aria nel 2025 potrebbe essere dimezzato rispetto al 2005: questo significa circa 150.000 morti di meno ogni anno". Inoltre "per la società e l'ambiente potrebbe significare un beneficio di almeno 45 miliardi di euro l'anno, ad un costo che è dieci volte inferiore, senza contare l'impatto sugli ecosistemi" ha aggiunto il commissario europeo all'ambiente. Il pacchetto di riforma delle regole Ue non ha ancora visto la luce, ma già solleva perplessità dagli ambientalisti europei. "Avremmo sperato in un pacchetto più completo e ambizioso, mirato anche su settori chiave per l'inquinamento come agricoltura, spedizioni, trasporti su strada" spiega Alan Andrews, avvocato di Client Earth, che fa parte dello European Environmental Bureau, che riunisce 140 organizzazioni ambientaliste in Europa. Secondo Andrews inoltre gli obiettivi del protocollo di Gothenburg da ratificare "sono troppo deboli, inadeguati per la protezione dell'ambiente e della salute". (Ansa) Fatta la direttiva poi, il problema sarà la sua effettiva applicazione. La classica procedura di infrazione nei confronti degli Stati membri da parte di Bruxelles ricorda Andrews "richiede molto tempo" e "nel 2013, anno europeo dell'aria, quella con i 17 Paesi risultati fuorilegge sui limiti delle Pm10 del 2005, fra cui l'Italia, non è andata avanti". Di conseguenza "vorremmo vedere un meccanismo di allerta per gli Stati membri che saranno indietro rispetto agli obiettivi del 2020 e 2025" afferma il legale ambientalista, che fa notare un altro tasto dolente: "I limiti delle concentrazioni degli inquinanti non fanno parte del pacchetto", nonostante siano al di sopra delle linee guida dell'Oms e dei valori di studi recenti. "Questo è il motivo per cui chiediamo alla Commissione di impegnarsi a rendere più stringenti gli standard attuali al più presto possibile, dopo l'adozione di questa revisione sui tetti nazionali delle emissioni" ha concluso Andrews.



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

Corsi - Prevenzione a tavola

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti