I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

I tatuaggi ostacolano la diagnosi dei tumori alla pelle

Stavolta l'allarme tatuaggi arriva dagli oncologi del Pascale di Napoli riuniti al Melanoma Bridge

Pubblicato il 10/12/2013 da Prevenzione a tavola

Stavolta l'allarme tatuaggi arriva dagli oncologi del Pascale di Napoli riuniti al "Melanoma Bridge" -un convegno internazionale in corso a Napoli- che, fornendo i dati positivi sull’aumento dei tassi di sopravvivenza per tutti i tumori in Europa, hanno sollevato il problema sul melanoma (il tumore della pelle), che sarebbe difficilmente diagnosticabile in tempi brevi proprio a causa della 'body art'. In Italia si stima che oggi al melanoma sopravviva l’84% dei maschi contro il 69% di 20 anni fa e anche la sopravvivenza femminile è cresciuta, passando da 83% a 89%. “Sono buoni i dati sul melanoma”, sottolinea Paolo Ascierto, presidente della Fondazione Melanoma e Direttore dell’Unità di Oncologia Medica e Terapie Innovative del Pascale di Napoli, “Ma ancora ci sono margini di miglioramento sul fronte della diagnosi precoce. Per questo va posta particolare attenzione ai tatuaggi, che – pur non aumentando il rischio di melanoma – possono rendere più difficile la diagnosi”. Il motivo sta nei pigmenti che ostacolano il monitoraggio dei nei, i cui cambiamenti rappresentano il segnale della trasformazione in forma tumorale e inoltre, come sottolinea l’esperto, il 50% dei melanomi si sviluppa a partire da nei preesistenti, per cui i tatuaggi non dovrebbero mai essere eseguiti su lesioni pigmentate. In Italia, un milione e mezzo di persone ha almeno un tatuaggio e di questi il 7,5% sono ragazzi giovanissimi, di età compresa tra i 12 e 18 anni: n mercato, quello del tattoo, che cresce in maniera esponenziale visto che il numero delle imprese che propongono tatuaggi e piercing è salito a 1.537 nel 2013, quintuplicantosi in soli tre anni. (Today)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Mangiare frutta e verdura rende felici

Uno studio dimostra che il benessere individuale cresce all'aumentare delle porzioni di frutta e verdura

Se mangi cavolo viola la tua salute ti ringrazierà

Ricco di vitamine, ottimo per la salute degli occhi e per abbassare il colesterolo

Zuppa di borlotti con maltagliati fatti in casa

Berrino: come invecchiare in salute con la corretta alimentazione

Il cibo è la nostra arma più forte contro le malattie croniche

Come usare gli agrumi per combattere tosse, mal di gola, raffreddore

I trucchi del contadino a base di agrumi contro i malanni di stagione

Corsi - Prevenzione a tavola

Muffin con olive e capperi agli aromi

Oggi prepariamo di gustosi muffin salati buonissimi ma ottimi per il nostro organismo

Cosa mangiare per combattere il freddo

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Corsi - Prevenzione a tavola

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Veronesi: le sostanze anti-cancro di frutta e verdura

Come proteggerci dalle numerose sostanze potenzialmente cancerogene intorno a noi

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore