I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Dall’uva un componente attivo efficace contro le cellule tumorali

Un componente attivo nei semi d'uva porterebbe alla morte delle cellule cancerose del cancro alla prostata, lasciando intatte le cellule sane

Pubblicato il 05/12/2013 da Prevenzione a tavola

Lo riporta il sito de La Stampa: mangiare uva può essere efficace nella cura al cancro. di LM&SDP Grazie a un nuovo studio a cura dei ricercatori del Cancer Center presso l’Università del Colorado si aprono nuove vie alla cura del cancro – e in particolare di quello della prostata. Lo studio, pubblicato sulla versione online della rivista Nutrition and Cancer, ha evidenziato l’attività anticancro di un componente attivo contenuto nei semi d’uva che è stato capace di indurre la morte cellulare (apoptosi) delle cellule tumorali, lasciando tuttavia intatte le cellule sane. Il composto isolato dall’estratto di semi d’uva è stato battezzato “B2G2” e ha dimostrato di essere più efficace del suo predecessore integrale chiamato “GSE” (Grape Seed Extract) che è stato oggetto di studi fino a oggi. «Abbiamo dimostrato un’attività similare anticancro in passato, utilizzando l’estratto di semi d’uva (GSE) – spiega il dott. Alpna Tyagi, coautore dello studio – ma ora sappiamo il B2G2 è il principio più biologicamente attivo, che può essere sintetizzato in quantità che ci permetteranno di studiare in modo più dettagliato il meccanismo morte nelle cellule cancerose». Utilizzando il GSE, il team di ricercatori ha trascorso più di un decennio nel dimostrare l’attività anticancro di questo estratto nei test di laboratorio. E in questo ambito sono stati diversi gli studi che hanno in precedenza dimostrato l’efficacia del GSE contro le cellule tumorali; studi che hanno anche mostrato il suo meccanismo di azione. «Fino a poco tempo fa – sottolinea Tyagi – non sapevamo quale costituente del GSE fosse il responsabile di questo effetto. Questo composto naturale, GSE, è una miscela complessa di polifenoli, tuttavia poco si sapeva circa i suoi componenti biologicamente attivi contro le cellule tumorali». La ricerca ha infine permesso di individuare nel B2G2 il composto più attivo. Tuttavia, spiegano gli autori, «è costoso e ci vuole molto tempo per isolarlo dall’estratto di semi d’uva». Per questo motivo, si è deciso di produrre una versione sintetizzata in laboratorio, per poi osservarne gli effetti. La produzione di B2G2 sintetizzata permette di ottenere in maniera rapida maggiori quantità del composto, con un costo irrisorio. I test condotti con la versione sintetizzata del componente attivo hanno mostrato un’attività anticancro simile al composto naturale contenuto del GSE. «Il nostro obiettivo globale è stato un trial clinico dei composti biologicamente attivi del GSE contro il cancro umano. Ma è difficile ottenere l’approvazione dell’FDA per un processo di cui non conosciamo i meccanismi e i possibili effetti di tutti i componenti attivi. Pertanto, isolare e sintetizzare B2G2 è un passo importante perché ora abbiamo la possibilità di condurre ulteriori esperimenti con il composto puro. I lavori in corso nel laboratorio aumentano ulteriormente la nostra comprensione del meccanismo d’azione di B2G2 che aiuterà per gli studi preclinici e clinici in futuro», conclude Tyagi. (Fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

Corsi - Prevenzione a tavola

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti