I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Tumore alla prostata, meno casi al Sud

I benefici riconducibili alla dieta mediterranea

Pubblicato il 25/11/2013 da Prevenzione a tavola

Il tumore della prostata si alimenta a tavola: una dieta ricca di grassi saturi, fritti e carne rossa aumenta la probabilita' di sviluppare il cancro. Lo dimostrano anche i numeri: le Regioni del Nord sono le piu' colpite mentre il Meridione, patria della dieta mediterranea, e' la zona in cui si registra la minore incidenza. La Campania occupa il penultimo posto, seguita soltanto dalla Basilicata, con tassi inferiori di un terzo rispetto al Piemonte 'maglia nera' e all'Umbria, regione nota per l'elevato consumo di insaccati e bistecche. Per giocare d'anticipo sulla neoplasia piu' diffusa tra gli uomini, che registra 36mila nuove diagnosi nel 2013, si devono quindi privilegiare ortaggi gialli e verdi, olio d'oliva e frutta. Cosi' facendo si puo' allontanare il rischio di contrarre il tumore che, comunque, rispetto al passato fa sempre meno paura: nell'ultimo decennio la mortalita' e' diminuita del 10%. Questo grazie anche alle innovative terapie ora disponibili, che consentono un aumento della sopravvivenza e una migliore qualita' di vita dei malati. "Nuovi farmaci ormonali (abiraterone, enzalutamide) e chemioterapici come il cabazitaxel sono messi a disposizione dalla ricerca scientifica - spiega il prof. Carmine Pinto, Presidente eletto dell'Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) e Direttore dell'Unita' Operativa di Oncologia Medica del Policlinico S.Orsola-Malpighi di Bologna, durante il Convegno Nazionale "Personalizzazione e strategia di trattamento nel carcinoma della prostata", in chiusura oggi a Napoli -. Occorre individuare per il singolo paziente la migliore strategia terapeutica ed impiego sequenziale delle molecole oggi disponibili. E' questa oggi la prospettiva per le persone con cancro avanzato. Il nostro obiettivo, quindi, e' curare allungando la sopravvivenza ma, allo stesso tempo, migliorare anche la qualita' di vita dei malati". Due farmaci gia' disponibili in Italia sono il cabazitaxel, sperimentato nel 2011 nel nostro Paese in 25 centri, nell'ambito di un ampio studio internazionale e l'abiraterone acetato. "Nel 2012 il primo ha ricevuto il via libera dell'AIFA ed e' ora a disposizione di tutte le Regioni, il secondo e' arrivato ad aprile 2013. A breve potremo utilizzarne un terzo, l'enzalutamide, approvato ad agosto di quest'anno dall'EMA", aggiungono i proff. Sergio Bracarda, Direttore dell'Oncologia Medica dell'Ospedale S. Donato di Arezzo e Orazio Caffo, Oncologo presso l'Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari di Trento. Trattamenti innovativi quindi, che si inseriscono nella strategia terapeutica del tumore alla prostata: patologia con cui ad oggi convivono ben 217mila italiani. "Un numero davvero consistente di persone, a cui possiamo offrire una delle migliori assistenze al mondo, in ogni angolo del Paese - commenta il prof. Giacomo Carteni', Responsabile dell'Oncologia Medica del "Cardarelli" di Napoli -. Questa due giorni promossa dall'AIOM, resa possibile grazie ad un contributo educazionale di Sanofi, serve proprio per scattare una fotografia, a livello nazionale, dello stato dell'arte della neoplasia prostatica. Cinque sessioni per discutere di argomenti fondamentali come gli effetti delle terapie sulla qualita' della vita, prevenzione, gestione e sostenibilita' dei farmaci innovativi tra crisi economica e best practise". La discussione sull'Antigene Prostatico Specifico (PSA) rappresenta uno dei momenti principali del Convegno: la diffusione di questa metodica di dosaggio, introdotta all'inizio degli anni Duemila, ha modificato profondamente l'epidemiologia della malattia. "Il test del PSA non puo' essere utilizzato in maniera indiscriminata come screening del cancro alla prostata - sottolinea il prof. Pinto -. La sua sensibilita' varia dal 70 all'80% e questo significa che il 20-30% delle neoplasie non viene individuato quando si utilizza l'esame come unico mezzo identificativo. Va eseguito solo quando e' necessario, cioe' dopo i 50 anni, se vi e' familiarita' diretta per il tumore e in caso di disturbi urinari". Utilizzare il PSA come screening diffuso aumenterebbe il rischio di uso inappropriato di esami e sovradiagnosi, senza portare vantaggi sicuri in termini di riduzione dei decessi. "Le patologie tumorali sono destinate a diventare in poco tempo la prima causa di mortalita' a livello mondiale, nei Paesi occidentali cosi' come in quelli in via di sviluppo - afferma Alessandro Crevani, Direttore della Business Unit Oncologia di Sanofi Italia -. Sanofi e' da sempre impegnata nella ricerca di soluzioni e nuovi approcci per dare risposte significative e adeguate alle esigenze delle persone affette da diverse tipologie di cancro, sia in termini di controllo della malattia sia sotto l'aspetto della qualita' di vita". (AGI)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Mangiare frutta e verdura rende felici

Uno studio dimostra che il benessere individuale cresce all'aumentare delle porzioni di frutta e verdura

Se mangi cavolo viola la tua salute ti ringrazierà

Ricco di vitamine, ottimo per la salute degli occhi e per abbassare il colesterolo

Zuppa di borlotti con maltagliati fatti in casa

Berrino: come invecchiare in salute con la corretta alimentazione

Il cibo è la nostra arma più forte contro le malattie croniche

Come usare gli agrumi per combattere tosse, mal di gola, raffreddore

I trucchi del contadino a base di agrumi contro i malanni di stagione

Corsi - Prevenzione a tavola

Muffin con olive e capperi agli aromi

Oggi prepariamo di gustosi muffin salati buonissimi ma ottimi per il nostro organismo

Cosa mangiare per combattere il freddo

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Corsi - Prevenzione a tavola

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Veronesi: le sostanze anti-cancro di frutta e verdura

Come proteggerci dalle numerose sostanze potenzialmente cancerogene intorno a noi

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute

La carne rossa collegata al rischio infarti e ictus

Troppa carne rossa mette in circolo una sostanza legata al rischio cuore