I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

L’anno della morte di Silvio Berlusconi

di Paolo Becchi

Pubblicato il 25/11/2013 da Paolo Becchi

José Saramago in quello che resta il suo romanzo più profondo, O ano da morte de Ricardo Reis, descrive Fernando Pessoa mentre vaga nella sua città, Lisbona, dopo che la stampa ha già annunciato la sua morte. Il suo alter ego, Reis appunto, non riesce a spiegarsi come un morto possa ancora camminare per le strade della sua città, ma Pessoa ha una spiegazione illuminante: «Dopo che siamo morti non possono più vederci e tutti i giorni ci dimenticano un po’, tranne casi eccezionali nove mesi è quanto basta per il totale oblio». Insomma, come ci sono voluti nove mesi per venire al mondo cosi ce ne vogliono all’ incirca altrettanti per uscire definitivamente dalla scena. Berlusconi è di fatto morto con la sentenza di agosto, data precisa con la quale è cambiato per la prima volta il suo status: una condanna passata in giudicato lo dichiara colpevole di frode fiscale. In quel giorno Berlusconi è morto ma, da allora, continua ancora ad aggirarsi per le strade del nostro Paese. No, non è un fantasma. A Reis che gli chiede se da morto riesce a passare attraverso i muri Pessoa risponde: «non sono affatto un fantasma... un fantasma viene dall' altro mondo, io mi limito a venire dal cimitero dei Prazeres». Ebbene questa è la stessa condizione attuale di Berlusconi, con l’ unica differenza che lui è ancora convinto di essere politicamente vivo ed in effetti, dopo aver bevuto l’ amaro calice dei traditori, Berlusconi sembra aver riaperto, in qualche modo, i giochi, con il rilancio di Forza Italia. Separando Forza Italia e alfaniani, i voti per Berlusconi sembrerebbero, di fatto, aumentare anziché diminuire. Che di partiti, ora, Berlusconi ne abbia dunque due – uno di lotta e all’ opposizione e l’altro di governo? Si tratta, però, di un’illusione. Il vero aspetto politico della “separazione” interna al Pdl è un altro. Con il passaggio di Berlusconi all’opposizione, muta infatti completamente il significato dell’ attuale Governo Letta. Il Governo era nato da una precisa operazione politica, iniziata con la rielezione di Napolitano, che aveva come finalità quella delle cosiddette “larghe intese” per escludere dal gioco politico l’unica forza politica uscita vincente dalle elezione: il MoVimento 5 stelle. Ora quella maggioranza si è dissolta, ma il Governo va avanti come se nulla fosse successo. L’ultimo anno di vita di Berlusconi avrebbe dovuto essere anche l’ ultimo anno del Governo Letta. Invece, con una astuta manovra, ci si è liberati del Cavaliere lasciando in piedi un Governo privo di quella legittimità del voto elettorale che con l’uscita di scena di Berlusconi è venuta a mancare. L’esito del voto di mercoledì sulla decadenza è scontato e, nonostante Berlusconi ci abbia abituato ai colpi di scena, questa volta non ci sarà alcun colpo di scena. Solo, forse, un mesto discorso d’addio o un comizio con i suoi “fedelissimi”, puntato tutto ancora una volta sul disco ormai rotto dello strapotere dei giudici. Ma il destino è ormai segnato. L’epilogo giudiziario di Berlusconi sarà nei prossimi mesi drammatico e definitivo: il processo per la compravendita di senatori è destinato ad andare avanti sino i fondo, ed i magistrati non sembrano proprio decisi a fare sconti al Cavaliere (si pensi al “caso Ruby”, dove i giudici sono stati addirittura più duri dei Pm e ora ad essere indagati saranno anche i suoi avvocati). Ultimi bagliori di un crepuscolo: l’appello per la concessione della grazia, la replica dura di Napolitano («Non solo non ci sono condizioni per clemenza, ma ha usato anche toni senza misura»), le nuove accuse lanciate dal Cavaliere contro tutto e tutti (Epifani, che si dovrà «vergognare finché campa»; Alfano, che non scenderà in piazza il 27 novembre; il voto di decadenza, «colpo di Stato che parte da una sentenza politica che io ho definito criminale»). Ma non si tratta neppure di questo, in fondo: il dato politico rilevante è, infatti, che Berlusconi è stato eliminato prima di tutto dal suo stesso partito. Berlusconi può anche fare buon viso a cattiva sorte, sperando in una prossima “ricucitura” elettorale con gli “alfaniani”: è l’ultima mossa, ma, come nel romanzo di Saramago, da oggi mancano solo “nove mesi per il totale oblio”.



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Crostata senza glutine con marmellata di pesche

Una ricetta buona e sana, adatta anche ai celiaci

Pane di zucca: dalla Pianura Padana con delizia

È un tipico pane della bassa Pianura Padana dove si prepara con le meravigliose zucche mantovane

Il tempo dei carciofi: proprietà benefiche e trucchi per cucinarli

Da gustare da novembre ad aprile, ottimi per gli effetti farmacologici e terapeutici su fegato e cistifellea

Pisciammare: la nutriente colazione del passato

Un tempo si preparava per andare a lavorare nei campi, oggi può costituire un pasto sano e nutriente

4 ottimi motivi per mangiare i cavoli

Ortaggio antinfiammatorio e anti-raffreddore per eccellenza, da preferire crudo o al vapore

Corsi - Prevenzione a tavola

Come pulire e cucinare il cardo

Le sue coste sono molto ricche di acqua e fibre, vitamine B e C, sali minerali

Ricetta del Pan dei morti senza zucchero

Una versione senza zucchero e con farina integrale del Pan dei morti

La ricetta del castagnaccio

Ecco la ricetta sana e genuina del castagnaccio, senza zucchero o latte

Corsi - Prevenzione a tavola

Alla scoperta della Batata, la patata a basso indice glicemico

La batata è il tubero della salute: proprietà nutrizionali e qualche ricetta

La pasta non fa ingrassare ma rende felici

Gli endocrinologi svelano come godersi un piatto di pasta senza ingrassare

Maltagliati di farro con borlotti e castagne

Una ricetta autunnale, sana e golosa

Zuppa di lenticchie con castagne

Ricetta sana e gustosa, perfetta per l'autunno

Come scegliere una buona zucca? Ecco le differenze tra le diverse qualità

Mantovana, Delica, Napoletana, Violina: perché fanno bene e come cucinarle

6 ottimi motivi per mangiare finocchi

I finocchi rappresentano un ottimo alimento per il nostro organismo

Anemia da carenza di ferro? Ecco cosa mangiare

Quali sono i cibi che ne contengono di più?