I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

L’anno della morte di Silvio Berlusconi

di Paolo Becchi

Pubblicato il 25/11/2013 da Paolo Becchi

José Saramago in quello che resta il suo romanzo più profondo, O ano da morte de Ricardo Reis, descrive Fernando Pessoa mentre vaga nella sua città, Lisbona, dopo che la stampa ha già annunciato la sua morte. Il suo alter ego, Reis appunto, non riesce a spiegarsi come un morto possa ancora camminare per le strade della sua città, ma Pessoa ha una spiegazione illuminante: «Dopo che siamo morti non possono più vederci e tutti i giorni ci dimenticano un po’, tranne casi eccezionali nove mesi è quanto basta per il totale oblio». Insomma, come ci sono voluti nove mesi per venire al mondo cosi ce ne vogliono all’ incirca altrettanti per uscire definitivamente dalla scena. Berlusconi è di fatto morto con la sentenza di agosto, data precisa con la quale è cambiato per la prima volta il suo status: una condanna passata in giudicato lo dichiara colpevole di frode fiscale. In quel giorno Berlusconi è morto ma, da allora, continua ancora ad aggirarsi per le strade del nostro Paese. No, non è un fantasma. A Reis che gli chiede se da morto riesce a passare attraverso i muri Pessoa risponde: «non sono affatto un fantasma... un fantasma viene dall' altro mondo, io mi limito a venire dal cimitero dei Prazeres». Ebbene questa è la stessa condizione attuale di Berlusconi, con l’ unica differenza che lui è ancora convinto di essere politicamente vivo ed in effetti, dopo aver bevuto l’ amaro calice dei traditori, Berlusconi sembra aver riaperto, in qualche modo, i giochi, con il rilancio di Forza Italia. Separando Forza Italia e alfaniani, i voti per Berlusconi sembrerebbero, di fatto, aumentare anziché diminuire. Che di partiti, ora, Berlusconi ne abbia dunque due – uno di lotta e all’ opposizione e l’altro di governo? Si tratta, però, di un’illusione. Il vero aspetto politico della “separazione” interna al Pdl è un altro. Con il passaggio di Berlusconi all’opposizione, muta infatti completamente il significato dell’ attuale Governo Letta. Il Governo era nato da una precisa operazione politica, iniziata con la rielezione di Napolitano, che aveva come finalità quella delle cosiddette “larghe intese” per escludere dal gioco politico l’unica forza politica uscita vincente dalle elezione: il MoVimento 5 stelle. Ora quella maggioranza si è dissolta, ma il Governo va avanti come se nulla fosse successo. L’ultimo anno di vita di Berlusconi avrebbe dovuto essere anche l’ ultimo anno del Governo Letta. Invece, con una astuta manovra, ci si è liberati del Cavaliere lasciando in piedi un Governo privo di quella legittimità del voto elettorale che con l’uscita di scena di Berlusconi è venuta a mancare. L’esito del voto di mercoledì sulla decadenza è scontato e, nonostante Berlusconi ci abbia abituato ai colpi di scena, questa volta non ci sarà alcun colpo di scena. Solo, forse, un mesto discorso d’addio o un comizio con i suoi “fedelissimi”, puntato tutto ancora una volta sul disco ormai rotto dello strapotere dei giudici. Ma il destino è ormai segnato. L’epilogo giudiziario di Berlusconi sarà nei prossimi mesi drammatico e definitivo: il processo per la compravendita di senatori è destinato ad andare avanti sino i fondo, ed i magistrati non sembrano proprio decisi a fare sconti al Cavaliere (si pensi al “caso Ruby”, dove i giudici sono stati addirittura più duri dei Pm e ora ad essere indagati saranno anche i suoi avvocati). Ultimi bagliori di un crepuscolo: l’appello per la concessione della grazia, la replica dura di Napolitano («Non solo non ci sono condizioni per clemenza, ma ha usato anche toni senza misura»), le nuove accuse lanciate dal Cavaliere contro tutto e tutti (Epifani, che si dovrà «vergognare finché campa»; Alfano, che non scenderà in piazza il 27 novembre; il voto di decadenza, «colpo di Stato che parte da una sentenza politica che io ho definito criminale»). Ma non si tratta neppure di questo, in fondo: il dato politico rilevante è, infatti, che Berlusconi è stato eliminato prima di tutto dal suo stesso partito. Berlusconi può anche fare buon viso a cattiva sorte, sperando in una prossima “ricucitura” elettorale con gli “alfaniani”: è l’ultima mossa, ma, come nel romanzo di Saramago, da oggi mancano solo “nove mesi per il totale oblio”.



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

Corsi - Prevenzione a tavola

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Corsi - Prevenzione a tavola

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno

Tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno in un’unica ciotola

Impariamo a preparare la ciotola di Buddha per un pasto sano e completo

Perché è bene consumare mandorle italiane

Le mandorle rappresentano un'ottima merenda, sana, nutriente e saziante

Cosa significano i numeri e le lettere sulle uova?

Importante informarsi per sapere che tipo di uova stiamo acquistando

Le uova non aumentano il colesterolo né rovinano il fegato

Sfiatiamo un falso mito e facciamo chiarezza sul ruolo delle uova nella nostra alimentazione

La pasta madre: proprietà, benefici e vantaggi in cucina

Anche chiamato lievito madre, migliora la regolazione della glicemia e la digeribilità dei prodotti