I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Shalabayeva, una storia di petrolio e di spionaggio

di Alberto Massari

Pubblicato il 21/11/2013 da Alberto Massari

“Shalabayeva, una storia di petrolio e di spionaggio… forse”, così si esprime Milena Gabanelli, una voce che la politica ciclicamente tenta di spegnere. Giova ricordare che dopo le prime notizie relative alla ingiusta espulsione di Alma e Alua, ai primi di giugno, seguì un inspiegabile – non è vero – silenzio di oltre quaranta giorni, dopo di ché il governo Letta rischiò di cadere e cinque deputati del MoVimento 5 Stelle, per primi, si recarono in Kazakistan per dare voce alla incolpevole signora Shalabayeva. Quella mossa di politica estera colpì a tal punto nel segno, che il ministro degli esteri kazako, in una interessante intervista, riferendosi alla vicenda nominò il solo M5S, sancendo di fatto il disconoscimento della restante classe politica italiana. Nel frattempo, Mukhtar Ablyazov, oppositore politico o delinquente a seconda dei punti di vista, si faceva arrestare in Francia, centrando un duplice obbiettivo: salvarsi la vita e prendere tempo per pensare alle mosse successive a quella più importante e dolorosa della sua vita: il sacrificio della Regina. Questa è la tesi di alcuni e del sottoscritto, secondo la quale Ablyazov avrebbe attirato in una trappola le forze di sicurezza italiane, contando sul fatto che, arrestando e consegnando a Nazarbayev moglie e figlia, ne sarebbe nato un caso internazionale, accendendo i riflettori sulla lotta al potere in Kazakistan. I primi di ottobre viene pubblicato dall’editore Adagio: Shalabayeva – Il caso non è chiuso, un e-book realizzato da chi scrive, che racconta la vicenda e sostiene una tesi chiara e semplice: tutto questo non doveva accadere e se è accaduto in Italia il motivo è che il paese è senz’anima e l’anima che manca si chiama intelligence o servizi segreti che dir si voglia. Non che AISI e AISE non esistano – il presidente del Copasir comunque non ne sapeva nulla – è che si dedicano a non si sa che, o meglio, lo si sa benissimo, stando agli scandali, ai morti e agli arresti, per tacer del resto, che ne costellano la storia dalla loro nascita. Senza offesa a un eroico servitore dello Stato come Nicola Calipari, e ai pochi come lui. Così, il 25 novembre, la puntata di Report di Milena Gabanelli dedicato alla signora Shalabayeva ci vedrà spettatori attenti e soddisfatti di avere immaginato, a metà luglio, che la vicenda non sarebbe scomparsa dai radar dell’informazione, per quanti sforzi avrebbero fatto la politica e l’informazione prezzolata per farla dimenticare. Tale soddisfazione è doveroso condividerla con la editor e l’editore che decisero in solo tre ore la pubblicazione di Shalabayeva, dimostrando quella indipendenza, intelligenza e onestà intellettuale di cui sono carenti troppe donne e troppi uomini preposti alla sicurezza e alla guida del Paese. Oggi è in preparazione una edizione accresciuta, di cui anticipo una modesta proposta ivi contenuta: l’Italia si faccia promotrice di un tavolo di mediazione invitando il Kazakistan e la Francia con la finalità di mettere fine allo scontro tra il Presidente Nursultan Nazarbayev e il suo ex ministro Mukhtar Ablyazov, detto altrimenti di mettere la parola “Pace” tra i due. L’Italia avrà così l’occasione di promuovere un’azione a salvaguardia della sovranità del Kazakistan, interponendosi agli interessi di quanti sono interessati a violarla, alimentandone conflitti interni ed esterni. L’Italia potrà proporsi quale mediatore tra la Francia, che detiene il vero oggetto del contendere – Ablyazov – e il Kazakistan, solo a patto di emendarsi dalla grave violazione dei diritti di Alma e Alua, istituendo una commissione parlamentare che indaghi sulla vicenda, come auspicato, se non erro, da uno dei parlamentari del M5S di ritorno da Astana. Con buona pace della diplomazia “parallela” del Cane a sei zampe. Molte cose paiono impossibili a farsi prima di essere fatte.



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

Mangiare frutta e verdura rende felici

Uno studio dimostra che il benessere individuale cresce all'aumentare delle porzioni di frutta e verdura

Se mangi cavolo viola la tua salute ti ringrazierà

Ricco di vitamine, ottimo per la salute degli occhi e per abbassare il colesterolo

Zuppa di borlotti con maltagliati fatti in casa

Berrino: come invecchiare in salute con la corretta alimentazione

Il cibo è la nostra arma più forte contro le malattie croniche

Corsi - Prevenzione a tavola

Come usare gli agrumi per combattere tosse, mal di gola, raffreddore

I trucchi del contadino a base di agrumi contro i malanni di stagione

Muffin con olive e capperi agli aromi

Oggi prepariamo di gustosi muffin salati buonissimi ma ottimi per il nostro organismo

Cosa mangiare per combattere il freddo

Corsi - Prevenzione a tavola

Arriva la “dieta universale” per prevenire le malattie e salvare il pianeta

Quanti grammi di fibre e cereali integrali servono contro cancro, diabete e infarto?

Il sale rosa dell’Himalaya fa bene?

Sento spesso farmi questa domanda: ”Il sale rosa fa bene? E’ meglio di quello bianco?”

Come stufare carciofi e cicoria

uUn accostamento semplice che unisce due sapori particolari che insieme si armonizzano

Il dolcificante fa davvero perdere peso?

Veronesi: le sostanze anti-cancro di frutta e verdura

Come proteggerci dalle numerose sostanze potenzialmente cancerogene intorno a noi

10 ottime ragioni per portare in tavola il radicchio rosso

Moltissimi benefici per la nostra salute