I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Sardegna, il fax d’allarme arrivò ai Comuni quando erano già chiusi

Un particolare che forse avrebbe potuto salvare sedici vite

Pubblicato il 21/11/2013 da Prevenzione a tavola

Alluvione in Sardegna, un fax avrebbe potuto, forse, salvare le sedici vittime e i milioni di danni causati dal ciclone Cleopatra e degli abusi dell’uomo. Ma quando il fax con l‘allerta meteo con criticità elevata, cioè la peggiore, inviato dalla Protezione civile è arrivato, domenica pomeriggio, i municipi erano già chiusi. E dodici ore dopo nessuno ha evitato che si scatenasse l’inferno. E’ domenica 17 novembre alle 14:12, ricostruisce Giusi Fasano sul Corriere della Sera, quando il Centro funzionale della Protezione civile emana l’avviso di criticità elevata, il più alto sulla scala delle “condizioni meteorologiche avverse”. Alle 16:30 la Regione Sardegna manda ai vari Comuni i fax. Solo che quando arrivano gli in uffici sono ormai vuoti. In serata la sintesi del fax, però, arriva anche sui telefonini dei sindaci con un sms. Alle 8 di lunedì mattina ogni municipio si organizza per conto proprio, non immaginando che le “raffiche di burrasca forte” annunciate dal fax sarebbero state davvero forti. Così, quando il ciclone arriva, nulla evita il caos. Scrive Fasano: “A me è arrivato un messaggino e ho cominciato a darmi da fare. Lunedì all’inizio abbiamo mandato i nostri uomini a Olbia perché lì c’era il peggio, poi è arrivato anche qui da noi” ricorda il sindaco di Arzachena, Alberto Ragnedda. Il suo collega di Loiri, Giuseppe Meloni, si chiede: “Noi sindaci dei Comuni piccoli che possiamo mai fare davanti a una cosa del genere? Ci lasciano soli…”. E c’è amarezza anche nelle parole di Antonella Dalu, alla guida del Comune di Torpè. “Sono stata avvisata con il classico messaggio di criticità elevata che riceviamo venti volte l’anno… in passato abbiamo fatto evacuazioni per la stessa allerta e poi non è successo nulla. Come potevamo sapere che stavolta sarebbe stato diverso?”. Il risultato sono i sedici morti, i milioni di danni, e il rischio per la potabilità dell’acqua in tutta la Sardegna: 20 depuratori e sei potabilizzatori sono stati danneggiati. E l’indomani inizia il rimpallo di responsabilità. Giusi Fasano scrive che il primo a “dar fuoco alla miccia”, sottolineando che le previsioni c’erano ed erano chiare, è stato Antonio Sanò, direttore di ilmeteo. it. Sostiene che “modelli fisico-matematici avevano previsto già da giovedì quello che sarebbe successo lunedì”. Detto altrimenti: l’allarme è stato lanciato tardi. Così le accuse reciproche si scatenano. Il leader dei Verdi, Angelo Bonelli, punta il dito contro gli abusi edilizi, spesso condonati, proprio dai “rappresentanti delle istituzioni” che poi, come “commedianti”, “accorrono sulle tragedie” mentre “approvano programmi edilizi e urbanistici che sfasciano il territorio”. A Bonelli risponde il governatore Ugo Cappellacci, che lo accusa di “giocare bluff da biscazziere da strapazzo”. Il capo della Protezione Civile, Franco Gabrielli, spiega che “lo Stato dà le direttive, le Regioni fanno i dettagli e ciascuna stabilisce le procedure che i livelli intermedi devono seguire. Ce ne sono alcune che non hanno un progetto di pianificazione degli interventi e io ripeto che le previsioni sono importanti, ma se non c’è pianificazione, tutto è inutile”. (fonte)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

Cicerchie: tra falsi miti e realtà

In passato ingiustamente demonizzate, oggi le cicerchie sono oggetto di riscoperta

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Corsi - Prevenzione a tavola

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'

Corsi - Prevenzione a tavola

Scoperto perché una mela al giorno leva il medico di torno

Il segreto è contenuto nei polifenoli che hanno un ruolo decisivo nel microbiota dell'intestino

La ricetta dell’Acquasale pugliese, piatto povero ma ricco

Acquasale, una tipica ricetta Salentina povera negli ingredienti ma ricca in principi nutritivi

I valori nutrizionali della farina di grano duro

La classificazione degli sfarinati e la superiorità nutrizionale della farina integrale e dei suoi derivati

Alla scoperta della Meloncella, frutto-verdura dalle mille virtù

La meloncella del Salento è ricchissima di proprietà nutritive e benefici per il nostro organismo

Conoscete la cottura passiva?

La cottura passiva fa risparmiare e conserva tutti i nutrienti

Il tè verde mantiene il cuore in salute e contrasta l’infarto

Il merito potrebbe essere di una sostanza antiossidante contenuta nel tè verde

Il mango contrasta stitichezza e intestino pigro

Studio rivela che basta un mango uno al giorno