I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Acne, il cioccolato non c’entra niente

Uno studio smentisce una volta per tutto che il cioccolato faccia venire i brufoli

Pubblicato il 07/11/2013 da Prevenzione a tavola

Si sappia una volta per tutte: se sul viso compaiono brufoli e foruncoli, la colpa non è certo del cioccolatino al quale poco prima non si è saputo resistere. Il golosissimo oro nero esce così, definitivamente assolto, dall’accusa che una leggenda metropolitana gli aveva mosso e una tesi prospettata dagli esperti dell‘Associazione dermatologi ospedalieri italiani durante il simposio ‘acne e cioccolato’ tenutosi a Perugia gli restituisce una salutare dignità. Lo studio italiano pubblicato sul Journal of the American Academy of Dermatology ha esaminato 205 pazienti dai 10 ai 24 anni e ha accertato l’assenza di associazione tra il consumo di cioccolata e l’acne, malattia infiammatoria che dipende dalla predisposizione genetica, dall’influenza ormonale, dall’ambiente, dallo stress ma anche all’alimentazione quotidiana in generale. Il cioccolato sembra, allora, che non influisca affatto sull’evoluzione della patologia, così pare non abbia alcun ruolo nella produzione e composizione del sebo: via libera, quindi, a 60 grammi di cioccolato al giorno, al latte o fondente, anche per i bambini. Responsabili dell'odioso disturbo dermatologico sarebbero, invece, gli alimenti ad alto valore glicemico, quelli, cioè, che aumentano la concentrazione di glucosio nel sangue e quindi l’insulina, ovvero dolci, carboidrati e bevande gassate e le proteine del latte. Per confermare che acne e cioccolato possono convivere, Eurochocolate ha proposto anche dei trattamenti di bellezza da provare alla ChocoFarm e tra quelli consigliati a chi ha una pelle grassa, ci sono lo scrub agli oli essenziali di cacao e la choco-mask che unisce i benefici del cacao alle proprietà del cedro per un viso fresco e luminoso. (Today)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





Leave a Reply

NOTIZIE + RECENTI

La zucca è ottima per la nostra salute: due ricette da leccarsi i baffi

La zucca, la regina dell'autunno, è ricca di proprietà benefiche per il nostro organismo

Tutti i cibi che fanno bene alla pelle

La mantengono sana, idratata e la fanno invecchiare meno

L’olio extravergine d’oliva protegge da infarti e ictus

Il merito è di una proteina salva-cuore

Nel tuorlo d’uovo in segreto per non perdere i capelli

Secondo uno studio giapponese si nasconde un possibile composto contro l'alopecia

La dieta mediterranea allunga la vita degli anziani

Perché riduce del 25% il rischio di morte per qualsiasi causa negli over-65

Corsi - Prevenzione a tavola

Le fragole contrastano le malattie infiammatorie croniche intestinali

Secondo studio possono essere utili contro morbo di Chron e colite ulcerosa

Ecco perché le cicerchie fanno bene

Proprietà e benefici delle cicerchie

Cicerchie: tra falsi miti e realtà

In passato ingiustamente demonizzate, oggi le cicerchie sono oggetto di riscoperta

Corsi - Prevenzione a tavola

La curcuma è in grado di uccidere le cellule tumorali

I ricercatori hanno scoperto che unendola al platino riesce a uccidere le cellule malate

Psoriasi? Ci pensa la dieta mediterranea

Studio condotto su oltre 3500 persone colpite da malattia dà ottimi risultati

Come conservare l’olio extravergine di oliva

Esistono diverse accortezze, come tenere l'olio al riparo da luce, calore e ossigeno

Cosa pensa davvero l’ONU di parmigiano, olio d’oliva e prosciutto

Siamo tornati sull'argomento per fare chiarezza su quello che è avvenuto realmente

Gli alimenti che fanno male alla prostata

Ecco cosa mangiare d'estate per tenere la prostata in salute

La panzanella: la vera ricetta e le inaspettate proprietà del pane toscano DOP

Mangiare la panzanella può essere estremamente prezioso per il nostro organismo

Bere un tè al giorno protegge il cuore, specie negli anziani

Rallenta la naturale diminuzione del colesterolo Hdl, quello cosiddetto 'buono'