I cookie permettono il funzionamento di alcuni servizi di questo blog. Utilizzando questi servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Dettagli OK

Acne, il cioccolato non c’entra niente

Uno studio smentisce una volta per tutto che il cioccolato faccia venire i brufoli

Pubblicato il 07/11/2013 da Prevenzione a tavola

Si sappia una volta per tutte: se sul viso compaiono brufoli e foruncoli, la colpa non è certo del cioccolatino al quale poco prima non si è saputo resistere. Il golosissimo oro nero esce così, definitivamente assolto, dall’accusa che una leggenda metropolitana gli aveva mosso e una tesi prospettata dagli esperti dell‘Associazione dermatologi ospedalieri italiani durante il simposio ‘acne e cioccolato’ tenutosi a Perugia gli restituisce una salutare dignità.Lo studio italiano pubblicato sul Journal of the American Academy of Dermatology ha esaminato 205 pazienti dai 10 ai 24 anni e ha accertato l’assenza di associazione tra il consumo di cioccolata e l’acne, malattia infiammatoria che dipende dalla predisposizione genetica, dall’influenza ormonale, dall’ambiente, dallo stress ma anche all’alimentazione quotidiana in generale.Il cioccolato sembra, allora, che non influisca affatto sull’evoluzione della patologia, così pare non abbia alcun ruolo nella produzione e composizione del sebo: via libera, quindi, a 60 grammi di cioccolato al giorno, al latte o fondente, anche per i bambini.Responsabili dell'odioso disturbo dermatologico sarebbero, invece, gli alimenti ad alto valore glicemico, quelli, cioè, che aumentano la concentrazione di glucosio nel sangue e quindi l’insulina, ovvero dolci, carboidrati e bevande gassate e le proteine del latte.Per confermare che acne e cioccolato possono convivere, Eurochocolate ha proposto anche dei trattamenti di bellezza da provare alla ChocoFarm e tra quelli consigliati a chi ha una pelle grassa, ci sono lo scrub agli oli essenziali di cacao e la choco-mask che unisce i benefici del cacao alle proprietà del cedro per un viso fresco e luminoso. (Today)



banner basso postfucina







  • Segui Prevenzione a Tavola:





NOTIZIE + RECENTI

Ecco cosa succede a mangiare un uovo al giorno

Nuovo studio riabilita l'alimento: riduce il rischio cardiovascolare

Ecco i cibi che causano 500mila morti l’anno per malattie di cuore

Da Oms guerra a grassi trans, eliminarli dalla dieta

Frutta verdure e pesce tengono le rughe lontane

A evidenziarlo è uno studio dell'Erasmus Medical Centre di Rotterdam

Olio extravergine d’oliva: meglio DOP o IGP?

Il legame col territorio è dunque più forte nel DOP piuttosto che nell’IGP

Perché scegliere una birra artigianale?

Tra le altre cose ha un maggiore contenuto in vitamine e minerali rispetto ad una birra filtrata

Corsi - Prevenzione a tavola

Ecco cosa succede al cervello se mangiamo cioccolato fondente

Il cioccolato fondente è anti-infiammatorio e antistress

Il miglio previene diabete e cancro

È un cereale ricco di ferro, fosforo, magnesio, vitamine del gruppo B e soprattutto di acido folico

La carne dei fast food è da demonizzare?

Basta evitare patatine fritte, salse e bevande zuccherate e tenere a mente le raccomandazioni anti-cancro

Corsi - Prevenzione a tavola

Gli effetti di verdure, yogurt, tè e cioccolato sul fegato

Studio su cirrosi epatica, più diversità batteri intestino

La frutta secca fa battere il cuore a un ritmo regolare

Il consumo riduce il rischio di fibrillazione atriale

Perché scegliere i grani antichi?

Coltivare i grani antichi significa salvaguardare queste specie vegetali ed impedire che si estinguano

I ravanelli fanno benissimo al nostro organismo

Ha importanti facoltà antiossidanti e depurative, un ottimo aiuto per il fegato e la cistifellea

Cosa succede se si beve una birra in gravidanza?

Anche le bevande con gradazione alcolica medio-bassa sono pericolose in gravidanza

Ecco come scegliere il miglior olio extravergine d’oliva

Il miglior olio evo? Fruttato, amaro e piccante

Latte di mandorla: ottimo alleato per le ossa

Tra le bevande vegetali, è quello che contiene un maggior quantitativo di calcio, magnesio e fosforo